Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Depotenziare il 41-bis: la Commissione al Senato di Luigi Manconi ha già detto come intervenire

Polizia Penitenziaria - Depotenziare il 41-bis: la Commissione al Senato di Luigi Manconi ha già detto come intervenire


Notizia del 04/07/2016 - ROMA
Letto (3404 volte)
 Stampa questo articolo


La guida pratica per smantellare il carcere duro inflitto ai super capi delle mafie è un rapporto della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani presieduta dal senatore Luigi Manconi. Il rapporto è stato presentato lo scorso aprile e torna d’attualità dopo le dichiarazioni del sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore relative all’esigenze di una “maggiore flessibilità per i diritti e la dignità dei detenuti al 41-bis”. 

Sottosegretario Gennaro Migliore annuncia alleggerimenti per il 41-bis. Il Fatto Quotidiano: governo dal carcere molle

Le affermazioni di Migliore, numero 2 di via Arenula, sono proprio in linea con la parte finale del rapporto, ovvero le “rac com and azi oni ” della Commissione parlamentare. Elaborate dopo colloqui con gli stessi detenuti, queste “raccomandazioni”, per alcuni  aspetti ovvi richiami ai diritti umani, se venissero attutate cancellerebbero di fatto la concezione stessa del regime di carcere duro fortemente voluto nel 1992, in piena guerra contro Cosa Nostra, da Giovanni Falcone e diventato legge dello Stato solo dopo la strage di via d’Amelio in cui persero la vita Paolo Borsellino e cinque uomini di scorta. 

La Commissione Manconi raccomanda:

“Una revisione della legislazione consolidata” sul 41-bis;

“la possibilità per i detenuti in regime di 41-bis di avere un canale di facile accesso alla comunicazione con il direttore” del carcere;

“rivedere la previsione”(applicata  attualmente solo nel carcere di Sassari Bancali) “secondo cui i detenuti sottoposti al regime speciale devono essere ristretti all’interno di istituti a loro esclusivamente dedicati”;

“la predisposizione di chiusure interne azionabili dal detenuto o su sua richiesta ”;

“la videosorveglianza applicata solo in casi particolari”; 

“rivedere le limitazioni al possesso di oggetti nelle camere detentive”;

“il ricorso motivato e non routinario alle perquisizioni delle camere detentive, nonché il massimo riguardo nei confronti dei detenuti”;

“la rinuncia alle perquisizioni dei familiari in visita in tutti i casi in cui non sia previsto il colloquio senza vetro divisorio con alcuno di essi”;

“facilitare lo svolgimento dei colloqui dei parenti dei detenuti e, in particolare, di consentire la possibilità di cumulare le ore di colloquio non  usufruite”; 

“avere visite senza vetro divisorio”;

“il superamento di ingiustificate limitazioni ai colloqui telefonici con i familiari”;

“la possibilità per i detenuti al 41-bis di prendere parte alle udienze dei processi cui partecipano in veste di imputati”, questo perché secondo la Commissione “il collegamento a distanza potrebbe far configurare una limitazione di tale diritto”. 

Non servono commenti, rispetto all’ultimo punto basta immaginare cosa significherebbe il ritorno di Salvatore Riina o Leoluca Bagarella a Palermo o dell’appena arrestato Ernesto Fazzalari a Reggio Calabria per un’udienza processuale.

Il Fatto Quotidiano

LEGGI LA RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DEL SENATO SUL 41-BIS (PDF)

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

6 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

7 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

8 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

9 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere

10 Detenuto evade da permesso premio: in carcere per sequestro di persona, spaccio, furto e rapina, porto abusivo di armi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?