Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Detenuta con problemi psichiatrici schiaffeggia Poliziotta penitenziaria nel carcere di Pisa

Polizia Penitenziaria - Detenuta con problemi psichiatrici schiaffeggia Poliziotta penitenziaria nel carcere di Pisa


Notizia del 09/10/2016 - PISA
Letto (724 volte)
 Stampa questo articolo


Una detenuta psichiatrica di origini macedone ha aggredito l’unico ispettore donna ormai presente nel penitenziario pisano. A denunciare il fatto, accaduto oggi intorno a mezzogiorno, sono i sindacati Sappe, Osapp e Uil Pa, che in una nota congiunta scrivono. "Il sottufficiale aggredito, giunto in soccorso di due colleghe, sole nell’intera sezione femminile, al fine di riportare la detenuta nella sua camera detentiva, è stata presa letteralmente a schiaffi, riportando fortunatamente solo alcune contusioni".

E' il secondo episodio di violenza che in meno di 24 ore ha coinvolto il carcere pisano. Ieri, sempre come comunicato dai sindacati, due detenuti a regime aperto si sono rifiutati di rientrare nelle proprie camere detentive, e dopo aver insultato e offeso un poliziotto gli hanno schiacciato  la mano ed il piede contro il cancello di sbarramento della sezione.

"E’ ora di dire basta -si legge nella nota congiunta delle sigle sindacali della Polizia Penitenziaria- e prendere seriamente la questione della casa circondariale pisana. 

I sindacati "Richiedono l’interessamento del Prefetto e delle autorità ministeriali competenti".

"La dignità dei poliziotti penitenziari -concludono- viene ormai tutti i giorni calpestata a causa delle grandi difficoltà in cui versa il carcere pisano. Inoltre se a tutt’oggi si sono evitate situazioni ancora più pericolose e drammatiche, lo si deve solo ed esclusivamente alla professionalità dei poliziotti penitenziari presenti, anche se costantemente decimanti da questa quotidiana violenza".

quinewspisa.it

Detenuti schiacciano la mano del Poliziotto penitenziario nella porta blindata della sezione nel carcere di Pisa

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 La foto del Detenuto Evaso dall''Ospedale di Sanremo. Intanto il Sappe chiede le dimissioni del direttore

9 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

10 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore