Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Detenuti a processo per la rivolta del 2010 nel vecchio carcere di Trento

Polizia Penitenziaria - Detenuti a processo per la rivolta  del 2010 nel vecchio carcere di Trento


Notizia del 31/05/2012 - TRENTO
Letto (1918 volte)
 Stampa questo articolo


Accusati di aver distolto gli agenti di Polizia Penitenziaria dai loro compiti, per questo 21 detenuti sono a processo per la rivolta scoppiata nel carcere di Trento nel 2010.
 
Avevano dato fuoco alle coperte, rotto piatti e bicchieri, urlato e protestato. Per questo il pubblico ministero Antonella Nazzaro ha citato a giudizio 21 ex detenuti del vecchio carcere di via Pilati. L’accusa mossa nei loro confronti è non solo di danneggiamento aggravato di cose esposte alla pubblica fede e di danneggiamento seguito da incendio, ma anche di interruzione di pubblico servizio. Questo perché, l’accusa contesta ai detenuti di aver distolto gli agenti di Polizia Penitenziaria dai loro compiti. Il processo si aprirà l’1 giugno prossimo. I ventuno imputati sono difesi, tra gli altri, dagli avvocati Stefano Daldoss, Filippo Fedrizzi e Giuliano Valer.
 
I fatti risalgono al 2010. Il carcere di via Pilati era ormai vecchio e malandato, in vista del trasloco a Spini di Gardolo. I detenuti, ma anche gli stessi agenti di Polizia Penitenziaria lamentavano condizioni invivibili della vecchia struttura. Sostenevano che la popolazione dei detenuti superava di molto la capienza del carcere. Non solo, dicevano che ormai la struttura non veniva sottoposta ai lavori di manutenzione, anche quelli meno importanti. Per questo, ormai, la situazione era diventata difficile.
 
Al culmine di questo stato cose, appunto il 28 maggio del 2010 è scoppiata una sorta di rivolta. I detenuti hanno inscenato una manifestazione di protesta. Hanno iniziato a battere sulle porte e sulle inferriate. Qualcuno ha anche appiccato il fuoco agli oggetti contenuti nelle celle e alle lenzuola che venivano imbevute d’olio per far durare di più le fiamme. I poliziotti penitenziari sono accorsi e hanno subito domato l’incendio che stava divampando. Ci sono voluti ari giorni perché la situazione tornasse alla calma. A due anni di distanza la Procura adesso presenta il conto.
 
Di solito, in questi casi, si agisce in via disciplinare e non si arriva al processo penale. Però questa volta è arrivata la contestazione giudiziaria. Non solo. Tra le imputazioni c’è anche quella di interruzione di pubblico servizio, anche se i difensori contestano radicalmente questa ipotesi.
STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?