Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Detenuti evasi da Favignana: spunta l''ipotesi che corda di lenzuola sia una simulazione

Polizia Penitenziaria - Detenuti evasi da Favignana: spunta l''ipotesi che corda di lenzuola sia una simulazione


Notizia del 02/11/2017 - TRAPANI
Letto (3652 volte)
 Stampa questo articolo


Stavano tentando di abbandonare l'isola rubando un gommone i tre detenuti evasi sabato scorso dal carcere di massima sicurezza di Favignana.

A bloccarli, grazie a una serie di controlli mirati che erano stati predisposti dal comando provinciale dei carabinieri, è stata una pattuglia composta da quattro militari dell’arma che li hanno sorpresi nei pressi del porto. Uno dei tre, Massimo Mangione, è riuscito a darsi nuovamente alla fuga lanciandosi in mare. A questo punto sono state mobilitate tutte le forze dell’ordine presenti sull'isola, comprese le motovedette della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto che hanno illuminato il tratto di mare.

Dopo avere riguadagnato la riva Mangione ha cercato di allontanarsi a piedi ma è stato catturato dai carabinieri e dalla Polizia Penitenziaria che hanno seguito le tracce lasciate sul terreno dagli indumenti bagnati.

I tre detenuti sono stati quindi trasferiti da Favignana a bordo di una motovedetta. L’ergastolano Adriano Avolese, che deve scontare una condanna per omicidio, Giuseppe Scardino, condannato a 15 anni per una serie di rapine e per il tentativo di omicidio di un poliziotto, e il suo complice Massimo Mangione, condannato a 12 anni e otto mesi per gli stessi reati si trovano adesso nella caserma del comando dei carabinieri di Trapani.

Stiamo verificando se all’interno della struttura penitenziaria possano esserci state responsabilità colposo o dolose": lo ha detto il procuratore di Trapani, Alfredo Morvillo, durante la conferenza stampa per illustrare l’operazione che nella notte ha portato alla cattura dei tre evasi.

Gli inquirenti non escludono che i tre evasi dal carcere di Favignana sabato scorso e catturati nella notte abbiano potuto trovare un alloggio di fortuna in una delle tante villette in questo periodo chiuse. Sono in corso controlli. Accertamenti sono in corso anche per stabilire la provenienza degli arnesi (chiavi inglesi e cacciaviti) che i fuggiaschi avevano con sé al momento dell’arresto, avvenuto in località Punta Longa.

Presumibilmente i tre, che stavano tentando di impossessarsi di un’imbarcazione, approfittando delle favorevoli condizioni meteo marine, erano intenzionati a raggiungere la costa di Marsala, che dista quindici minuti di navigazione. Il procuratore di Trapani, nel sottolineare che la «cattura è frutto della professionalità dei carabinieri e della Polizia Penitenziaria, ha ribadito che le indagini puntano a far luce su quello che è successo all’interno del carcere».

A margine della conferenza stampa indetta per la cattura dei tre evasi dal carcere di Favignana è anche trapelato che le lenzuola lasciate sul muro di cinta dell’istituto penitenziario possano essere state lasciate per simulare una fuga che in realtà sarebbe avvenuta con modalità diverse. Un’ipotesi degli investigatori, questa, suffragata da alcuni elementi: la ridotta lunghezza delle lenzuola (che avrebbero costretto i tre a compiere un salto nel vuoto di oltre tre metri ma anche il fatto che difficilmente i tre, dopo aver segato le sbarre della cella, possano essere riusciti a salire sul tetto e a saltare, senza perdere l’equilibrio, sul muro di cinta.

lasicilia.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

6 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

9 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria