Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuti psichiatrici nel carcere di Lecce: apre la nuova sezione da 200 posti senza incremento di personale

Polizia Penitenziaria - Detenuti psichiatrici nel carcere di Lecce: apre la nuova sezione da 200 posti senza incremento di personale


Notizia del 21/09/2016 - LECCE
Letto (1424 volte)
 Stampa questo articolo


A breve, sul fronte sanitario, vi sarà una novità nel penitenziario di Borgo San Nicola. Aprirà, infatti, una Sezione intramuraria di psichiatria. Duplice lo scopo: garantire maggiore tutela per i detenuti affetti da patologie sopravvenute dopo il reato e proseguire in un ideale percorso di miglioramento della qualità della vita nell’istituto di pena del capoluogo.

Questa particolare Sezione sarà dedicata a una tipologia di paziente diversa da quella di competenza delle Residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza (Rems). Queste, infatti, sono rivolte a coloro che, prosciolti per vizio di  mente, sono dichiarati socialmente pericolosi.

Due mesi prima che l’attivazione divenga effettiva, però (è prevista a novembre), i sindacati di Polizia Penitenziaria mettono le mani avanti. Il timore è che siano scaricati sulle proprie spalle nuovi rischi per il personale e forti responsabilità, in assenza di un organico adeguato. E se non è una rivolta in piena regola, poco ci manca. Questa volta, a fare le barricate, sono ben sette sigle. Un muro unitario e coeso, i cui mattoni sono Sappe, Osapp, Uilpa, Sinappe, Uspp, Cgil Funzione pubblica e Fns Cisl.

I sindacati sostengono di essere stati informati di recente dell’innovazione, e illustrano il loro punto di vista: gli agenti di Polizia Penitenziaria dovranno assicurare la traduzione dei detenuti ricoverati e la sicurezza degli operatori sanitari, in un servizio che dipenderà dall’Asl. E se da un lato ritengono quest’operazione un passo avanti, rispetto all’applicazione della legge sullachiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg), dall’altro sostengono che tali strutture si sarebbero dovute ristrutturare e non serrare del tutto.

Anche perché, a dire dei segretari delle sigle sindacali, il risultato è stato quello di “distribuire a caso, senza un piano nazionale, detenuti con problemi di natura psichiatrica, ottenendo i risultati che tutti conosciamo”. Vale a dire, aggressioni e altre criticità, denunciate sempre più apertamente in questi anni.

I rappresentanti degli agenti di Polizia Penitenziaria, quindi, sanno bene che l’obiettivo è colmare il vuoto lasciato dagli Opg, ma chiedono a gran voce che ciò non avvenga sulla propria pelle. “L’istituto leccese – asseriscono a conforto delle proprie tesi -, poiché il più grande della regione, per troppo tempo è stato considerato una sorta di valvola di sfogo: basti pensare all’incomprensibile e schizofrenica procedura di assegnazione di detenuti giudicabili provenienti da ogni parte della regione”. L'epilogo è stato, a loro avviso, quello di sottrarre risorse dai servizi ordinari, a discapito della sicurezza di tutti, sguarnendo diversi apparati.

La morale? La sezione psichiatrica si aggiungerà a “un nuovo padiglione da 200 posti” e ai “300 detenuti ospitati oltre la capienza regolamentare”. Troppa carne al fuoco, per i sindacati, che lamentano una “carenza di 150 agenti di Polizia Penitenziaria”, con turni massacranti ed esposizione costante a pericoli. La richiesta, che ha quasi i toni della diffida, giacché in una nota congiunta si preannuncia una “protesta dura” in caso di aspettative disattese:non aprire la sezione fin quando non sarà aumentato l’organico di almeno cinquanta agenti.

Sappe, Osapp, Uilpa, Sinappe, Uspp, Cgil Funzione pubblica e Fns Cisl, a tale proposito, chiedono all’amministrazione penitenziaria di attivare un tavolo per le trattative. I temi: tempi d’apertura della sezione, organizzazione del lavoro, piante organiche da destinare al reparto, e, dato che gestito dall’Asl, le mansioni precise degli agenti che saranno coinvolti.

lecceprima.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Ma chi siamo?

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia