Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuti schiacciano la mano del Poliziotto penitenziario nella porta blindata della sezione nel carcere di Pisa

Polizia Penitenziaria - Detenuti schiacciano la mano del Poliziotto penitenziario nella porta blindata della sezione nel carcere di Pisa


Notizia del 09/10/2016 - PISA
Letto (2605 volte)
 Stampa questo articolo


L'agente di ronda è dovuto ricorrere alle cure dell'ospedale e ne avrà per 7 giorni prima di essere del tutto guarito. 

"Da quanto ci riferiscono gli esponenti provinciali Roberto Vassallo per il Sappe, Alessio Vetri per l'Osapp e Nicola Di Matteo per la UIL PA PP - spiega una nota congiunta dei sindacati Sappe, Osapp e Uil Pa - l’agente, che intorno le 19 si trovava di servizio come addetto alla vigilanza “ronda penale”, ovvero da solo a gestire circa 100 detenuti suddivisi su 4 piani, è stato aggredito da 2 detenuti entrambi provenienti dall'est Europa". 

I due, prosegue la nota, fanno parte del cosiddetto regime aperto e "rifiutandosi di rientrare nelle proprie camere detentive, hanno dapprima insultato e offeso il collega, per poi schiacciargli letteralmente la mano ed il piede contro il cancello di sbarramento della sezione". 

Il problema, per i sindacati, è che il "regime aperto non prevede protocolli particolari, se non la presenza di un poliziotto penitenziario, esposto a fattori di rischio senza concreta possibilità di poter difendere la propria incolumità fisica. Nell'ultimo caso, tristemente ci riteniamo fortunati a pensare che i due detenuti abbiano spinto violentemente fuori dalla sezione il collega poliziotto". 

A questo punto i sindacati spiegano di essere intenzionati a continuare con lo stato di agitazione già proclamato il 21 Settembre 2016 e annunciano manifestazioni pubbliche per "informare la cittadinanza ed i referenti politici ed istituzionali di quanto sta avvenendo nel penitenziario pisano".

toscanamedianews.it

Detenuta con problemi psichiatrici schiaffeggia Poliziotta penitenziaria nel carcere di Pisa

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 In sezione comme a la guerre

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook