Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Detenuti svizzeri si convertono all'Islam: "Per mangiare meglio"

Polizia Penitenziaria - Detenuti svizzeri si convertono all'Islam:


Notizia del 10/03/2014 - ESTERO
Letto (1558 volte)
 Stampa questo articolo


"Abbiamo sempre più carcerati che vogliono convertirsi all'Islam perché i musulmani ricevono carne di vitello anziché di maiale e a loro piace di più". Lo ha dichiarato Ernst Scheiben, direttore del carcere cantonale di Frauenfeld, in un'intervista all'Ostschweiz am Sonntag.

Scheiben non ha saputo spiegare nel dettaglio le differenze tra i menu dei prigionieri cristiani e quelli dei musulmani. "L'unica cosa sicura è che i musulmani non ricevono carne di maiale" ha aggiunto in seguito sul 20 Minuten, precisando che i menu non vengono preparati all'interno del carcere, bensì all'ospedale cantonale.

"Senza validi motivi, non vediamo di buon occhio questi cambiamenti di religione" ha aggiunto Scheiben, spiegando che prima di accordare i nuovi menu si cerca sempre di valutare se il carcerato in questione intenda veramente vivere in futuro secondo i precetti dell'Islam o se la sua conversione sia dettata unicamente dalla volontà di mangiare meglio. "In generale è comunque sempre possibile cambiare. Ci sono anche carcerati che decidono di diventare vegetariani durante il periodo trascorso in prigione."

Anche Ueli Graf, ex direttore del carcere zurighese di Pöschwies, ha affermato di conoscere bene questi "giochetti" messi in atto da prigionieri che intendono migliorare le proprie condizioni all'interno del carcere. "Una privazione della libertà comporta ovviamente delle mancanze per il carcerato. Molte delle cose che poteva fare fuori non sono più a sua disposizione. Per cui c'è chi cerca di compensare queste carenze. "Che qualcuno scelga di diventare musulmano sperando di mangiare meglio, non lo trovo drammatico."

ticinonews 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

3 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)