Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuti tunisino rimpatriato con una nave: era uno dei protagonisti dei disordini nel carcere di Modena

Polizia Penitenziaria - Detenuti tunisino rimpatriato con una nave: era uno dei protagonisti dei disordini nel carcere di Modena


Notizia del 06/08/2016 - MODENA
Letto (1799 volte)
 Stampa questo articolo


Doveva scontare un residuo pena di nove anni, due mesi e dieci giorni di reclusione per numerosi reati, soprattutto legati allo spaccio di droga, ma questa mattina I.B.M., tunisino di 26 anni, è stato prelevato dalla sua cella nel carcere di Modena dagli uomini dell’Ufficio Immigrazione della Questura e rimpatriato con una nave partita da Genova e diretta Tunisi.

Si è conclusa in questo modo l’escalation criminale del giovane nordafricano, tra i principali protagonisti dei recenti disordini all’interno dell’Istituto Penitenziario Sant’Anna. Lo straniero, infatti, si era reso protagonista di atti gesti violenti e di aggressioni nei confronti degli agenti della Polizia Penitenziaria.

Quella eseguita stamane è una misura alternativa alla detenzione ed è stata disposta dall’Autorità Giudiziaria. Con l’accompagnamento odierno sono 11 le espulsioni giudiziarie eseguite dalla Questura di Modena a carico di detenuti.

Viceversa, nei giorni scorsi un altro criminale ha seguito un percorso inverso. Si tratta di un cittadino albanese che in seguito a reati di droga era stato espulso nel 2009, con l'obbligo di non rientrare in Italia per un periodo di dieci anni. Tuttavia, i Carabinieri di Maranello lo hanno sorpreso durante un controllo, scoprendo che da qualche tempo alloggiava proprio in paese. Oltre all'arresto per aver ignorato l'espulsione, lo straniero è tornato in carcere a Modena per scontare una pena residua di sei mesi.

modenatoday.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

4 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

5 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Ma chi siamo?