Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Detenuto dà fuoco alla cella a Bologna: 8 agenti intossicati

Polizia Penitenziaria - Detenuto dà fuoco alla cella a Bologna: 8 agenti intossicati


Notizia del 01/04/2014 - BOLOGNA
Letto (1702 volte)
 Stampa questo articolo


Sono otto gli agenti della Penitenziaria intossicati dopo che un detenuto nel carcere della Dozza di Bologna ha dato fuoco alla cella, ieri sera.
“E’ del tutto evidente che il ragazzo non può più stare in carcere, ma necessita di opportune cure in struttura idonea al suo stato di salute e comportamentale, diversa dall’Opg. La madre avrebbe già individuata una struttura sanitaria nel parmense, che già nel passato ha avuto in cura il giovane, e con la quale è in contatto”. Così la Garante regionale delle persone private della libertà personale, Desi Bruno, sul ragazzo detenuto nel penitenziario bolognese della Dozza, dove avrebbe dato fuoco alla cella.
“Venerdì scorso- spiega Bruno- ho visto nell’infermeria del carcere della Dozza il giovane detenuto L.S di anni 24, segnalatomi nella stessa giornata da alcuni parlamentari e da Rita Bernardini, facendo richiesta di una verifica urgente relativamente alla sua critica situazione. Il ragazzo, con gravi problemi psichici, è stato visto dallo psichiatra e viene riferito che dopo un iniziale comportamento aggressivo (avrebbe brandito due lamette, subito tranquillizzato dagli agenti intervenuti) appariva più sereno”.
Prosegue la Garante: “Ho verificato che L.S., a partire dal 2012, ha avuto una serie numerosa di trasferimenti nelle carceri dell’Emilia-Romagna ed è stato altresì ricoverato in Opg per osservazione psichiatrica. E’ arrivato al carcere di Bologna il 13 marzo dove avrebbe svolto colloqui con la madre. A me personalmente ha riferito, seppur in modo molto confuso, di voler andare a casa e di essere in attesa dei benefici penitenziari che, a suo dire, ritardano nell’arrivare. Sarebbe disponibile anche un collocamento in comunità”. In ogni caso, “senza alcun dubbio il ragazzo mi è apparso molto sofferente e con evidenti difficoltà ad effettuare un dialogo compiuto”.
“Questa mattina ho ricevuto la telefonata della madre molto preoccupata. L. ha dato corso a comportamenti autolesionistici, con preoccupanti riflessi sia verso se stesso che verso gli altri, avrebbe dato fuoco alla cella dove si trovava dichiarando che ‘voleva morire’ e molteplici sono stati gli sforzi da parte degli operatori e della Polizia Penitenziaria. E’ del tutto evidente che il ragazzo non può più stare in carcere, ma necessita di opportune cure in struttura idonea al suo stato di salute e comportamentale, diversa dall’Opg. La madre- chiude Desi Bruno- avrebbe già individuata una struttura sanitaria nel parmense, che già nel passato ha avuto in cura il giovane, e con la quale è in contatto”.

Sassuolo2000 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)