Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto in permesso premio torna in carcere con la droga. arrestato anche altro complice

Polizia Penitenziaria - Detenuto in permesso premio torna in carcere con la droga. arrestato anche altro complice


Notizia del 14/06/2014 - VITERBO
Letto (1500 volte)
 Stampa questo articolo


Non è tanto il quantitativo della sostanza stupefacente a generare allarme, quanto piuttosto la “piazza” di spaccio. E cioè la sala colloqui del penitenziario viterbese.

Erano istruiti alla perfezione, i due arrestati cui ieri mattina il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Viterbo, Franca Marinelli, ha convalidato la misura cautelare in carcere.

Si tratta di A.P., 37 anni, e A.V., 41, entrambi di Roma e attivi sul mercato della droga nonostante avessero già precedenti penali specifici. I due, in particolare, avevano pianificato i dettagli alla perfezione ed erano certi di agire indisturbati, non sapendo che gli organi inquirenti stavano loro col fiato sul collo.

I fatti. Giovedì mattina A.V., appena rientrato da un permesso premio in comunità, attendeva nella sala colloqui che l’agente di turno lo riconducesse in cella. Ed ecco qua che, guarda il caso, compare A.P.. “Salve, vorrei conoscere quali sono i giorni delle visite ai detenuti”. Una scusa banale, giusto per guadagnare il tempo necessario a tirar fuori dalla tasca dei pantaloni un involucro contenente una dozzina di pasticche sintetiche e piazzarle sotto la sedia di A.V.. Ma non ha fatto in tempo, perché gli agenti, che gli stavano con gli occhi puntati, sono intervenuti e hanno tratto in arresto tutti e due. A.P. ha anche tentato di disfarsi del pacchettino di plastica affermando che non era suo. Ma le manette erano già scattate, visto che, salvo fantasmi, nella sala colloqui c’erano solo loro.

Ieri mattina, come accennato all’inizio, il gip ha convalidato gli arresti in carcere, sottolineando nell’ordinanza che “la gravità dei fatti è da considerare in relazione non tanto al quantitativo, quanto al luogo dello spaccio, e cioè nel carcere”. E aggiunge: “Se la loro spregiudicatezza li ha condotti ai fatti odierni, c’è da chiedersi cosa farebbero se lasciati in libertà o con misure cautelari meno afflittive, di difficile e minor controllo”.

Non solo, nell’articolata ordinanza il gip spiega anche che “l’introduzione di sostanza stupefacente in carcere è reato di particolare gravità, attese anche le conseguenze che possono poi riversarsi sulla popolazione detenuta, e per questo non va tollerato né minimizzato”.

viterbooggi.eu

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

2 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

6 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino

9 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Noi, vittime della Torreggiani

7 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

8 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!