Aprile 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto in permesso premio torna in carcere con la droga. arrestato anche altro complice

Polizia Penitenziaria - Detenuto in permesso premio torna in carcere con la droga. arrestato anche altro complice


Notizia del 14/06/2014 - VITERBO
Letto (1409 volte)
 Stampa questo articolo


Non è tanto il quantitativo della sostanza stupefacente a generare allarme, quanto piuttosto la “piazza” di spaccio. E cioè la sala colloqui del penitenziario viterbese.

Erano istruiti alla perfezione, i due arrestati cui ieri mattina il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Viterbo, Franca Marinelli, ha convalidato la misura cautelare in carcere.

Si tratta di A.P., 37 anni, e A.V., 41, entrambi di Roma e attivi sul mercato della droga nonostante avessero già precedenti penali specifici. I due, in particolare, avevano pianificato i dettagli alla perfezione ed erano certi di agire indisturbati, non sapendo che gli organi inquirenti stavano loro col fiato sul collo.

I fatti. Giovedì mattina A.V., appena rientrato da un permesso premio in comunità, attendeva nella sala colloqui che l’agente di turno lo riconducesse in cella. Ed ecco qua che, guarda il caso, compare A.P.. “Salve, vorrei conoscere quali sono i giorni delle visite ai detenuti”. Una scusa banale, giusto per guadagnare il tempo necessario a tirar fuori dalla tasca dei pantaloni un involucro contenente una dozzina di pasticche sintetiche e piazzarle sotto la sedia di A.V.. Ma non ha fatto in tempo, perché gli agenti, che gli stavano con gli occhi puntati, sono intervenuti e hanno tratto in arresto tutti e due. A.P. ha anche tentato di disfarsi del pacchettino di plastica affermando che non era suo. Ma le manette erano già scattate, visto che, salvo fantasmi, nella sala colloqui c’erano solo loro.

Ieri mattina, come accennato all’inizio, il gip ha convalidato gli arresti in carcere, sottolineando nell’ordinanza che “la gravità dei fatti è da considerare in relazione non tanto al quantitativo, quanto al luogo dello spaccio, e cioè nel carcere”. E aggiunge: “Se la loro spregiudicatezza li ha condotti ai fatti odierni, c’è da chiedersi cosa farebbero se lasciati in libertà o con misure cautelari meno afflittive, di difficile e minor controllo”.

Non solo, nell’articolata ordinanza il gip spiega anche che “l’introduzione di sostanza stupefacente in carcere è reato di particolare gravità, attese anche le conseguenze che possono poi riversarsi sulla popolazione detenuta, e per questo non va tollerato né minimizzato”.

viterbooggi.eu

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Arresti centro migranti di Capo Rizzuto: Poliziotto penitenziario consegnava pizzini agli ''ndranghetisti del carcere di Siano

2 SISSY TROVATO MAZZA, la famiglia respinge la tesi del suicidio: indagini verso la chiusura?

3 Antonio Fullone nominato ufficialmente Direttore Generale: lascia la direzione del carcere di Poggioreale

4 Indagato l''ex direttore del carcere di Padova: sotto indagine il declassamento dall''alta sicurezza di 12 detenuti

5 Pavia, ambulante vendeva berretti della Polizia Penitenziaria senza licenza. Condannato a 5 mesi e 10 giorni di reclusione

6 Poliziotti penitenziari coinvolti nel caso Cucchi citano i Ministeri della Giustizia, Difesa e Interni: il GUP accoglie la richiesta

7 Primo avvocato pentito di camorra: sfruttava il suo incarico da difensore per far circolare i messaggi tra i boss

8 Poggioreale, hashish nascosto nelle suole delle scarpe. Polizia Penitenziaria denuncia cinque persone

9 Catturato detenuto tunisino e islamico radicalizzato: era evaso da permesso premio, Poliziotto penitenziario lo riconosce in stazione

10 Ristrutturazioni in corso nel carcere di Cuneo per ospitare di nuovo detenuti al 41-bis


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Concorso 800 posti da assistente giudiziario, 300mila le domande: la Polizia Penitenziaria e il DAP in prima linea per gestire un modello innovativo di prove concorsuali

2 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

3 Quanto fa guadagnare il servizio di polizia stradale della Polizia Penitenziaria al Ministero della Giustizia?

4 Riordino delle Carriere: Il parere delle Commissioni parlamentari

5 Vigilanza dinamica e affettività in carcere diventano legge

6 Operazione antidroga di NIC Polizia penitenziaria e Carabinieri: arresti a Rebibbia

7 Riordino carriere: le commissioni parlamentari auspicano che il ruolo funzionari sia pienamente corrispondente alla Polizia di Stato

8 Preso anche il terzo e ultimo evaso di Firenze Sollicciano

9 Skype per i mafiosi al 41-bis: arrivano puntuali le smentite, ma per i mafiosi in alta sicurezza come la mettiamo?

10 Rems, se qualcuno avesse raccolto i nostri allarmi ...