Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto incendia la propria cella perché non riesce a parlare subito con l''educatore nel carcere di Livorno

Polizia Penitenziaria - Detenuto incendia la propria cella perché non riesce a parlare subito con l''educatore nel carcere di Livorno


Notizia del 09/07/2016 - LIVORNO
Letto (1763 volte)
 Stampa questo articolo


Si è sfiorata la tragedia ieri mattina nel carcere di Livorno. “Colpa e conseguenza della protesta sconsiderata e incomprensibile di un detenuto italiano, di Livorno, che ha appiccato un incendio nella cella dov’era ristretti, dando fuoco a tutto quello che vi era all’interno”, spiega Pasquale Salemme, segretario regionale per la Toscana del  Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, il primo e più rappresentativo della Categoria.

“Intorno alle ore 9,00, all’atto dell’apertura del cortile passeggi, un detenuto livornese minacciava disordini di ogni genere se non avesse parlato immediatamente con un educatore. Il poliziotto penitenziario di servizio lo tranquillizzava e immediatamente si attivava per contattare l’educatore ma, neanche il tempo di terminare l’immissione all’aria degli altri ristretti, che lui entrava nella camera detentiva ed appiccava il fuoco. Una decisione folle, tenuto conto che riguardava la Sezione detentiva, a custodia attenuata, dove tutti i detenuti sono liberi. Nonostante gli Agenti fossero senza alcuna protezione o maschere, hanno sfollato la Sezione, mandando i ristretti presenti tutti nel cortile dell’aria. Il personale di Polizia è dunque intervenuto prontamente mettendo in sicurezza gli altri detenuti e spegnendo l’incendio. Un grazie di cuore a tutto il personale che con professionalità e abnegazione ha evitato che la situazione diventasse ancora più drammatica. Sono stati bravi i poliziotti penitenziari in servizio nel carcere di Livorno a intervenire tempestivamente, con professionalità, capacità e competenza”.

Apprezzamento ai poliziotti penitenziari di Livorno anche da Donato Capece, segretario generale del SAPPE: “Sono stati momenti di grande tensione e pericolo, gestiti con grande coraggio e professionalità dai poliziotti penitenziari. Nonostante gli evidenti pericoli, i bravi poliziotti hanno salvato la vita all’incosciente detenuto che aveva dato fuoco alla cella, poi hanno provveduto a mettere in salvo i detenuti dalle altre celle del Reparto detentivo che erano invase dal fumo. Poteva essere una tragedia, sventata dal tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari di servizio nel Reparto e dal successivo impiego degli altri poliziotti penitenziari in servizio nel carcere. Quanto accaduto ieri mattina nel carcere di Livorno è sintomatico del fatto che le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti. E la situazione è diventata allarmante per la Polizia Penitenziaria, che paga pesantemente  in termini di stress e operatività questi gravi e continui episodi critici. Le carceri, dunque, sono sì ad alta tensione anche in Toscana: ma lo sono per gli Agenti di Polizia Penitenziaria, sempre più al centro di gravi eventi critici come quello di Livorno”, conclude Capece, leader nazionale del primo Sindacato della Polizia Penitenziaria.

gonews.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti