Marzo 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto malato di tubercolosi evade dall'ospedale: si teme per il contagio della popolazione

Polizia Penitenziaria - Detenuto malato di tubercolosi evade dall'ospedale: si teme per il contagio della popolazione


Notizia del 30/11/2013 - TRENTO
Letto (2751 volte)
 Stampa questo articolo


Quella tra mercoledì e giovedì è stata una notte agitata all'ospedale Santa Chiara di Trento. L'intera struttura è stata messa sottosopra dagli uomini della squadra volante della polizia che erano alla ricerca di detenuto che era ricoverato nel reparto infettivi ed è scappato durante la notte.

Si tratta di un cittadino tunisino che era stato ricoverato con la diagnosi di tubercolosi. Era stato trasferito agli infettivi per questo motivo e ha approfittato del fatto di non essere ricoverato nel reparto destinato ai detenuti per dileguarsi. Ha atteso la notte ed è evaso. Un controllo, però, ha rilevato che il tunisino era scomparso. È stato subito dato l'allarme. Sul posto è arrivata la polizia. Il personale dell'ospedale e gli agenti hanno letteralmente setacciato tutto il Santa Chiara. Hanno guardato dappertutto. Infatti c'è molta preoccupazione per la malattia dalla quale è affetto l'uomo. Il timore è che potrebbe diffonderla. Per questo sia i medici e gli infermieri che gli agenti lo hanno cercato per tutta la notte.

Ma del tunisino nessuna traccia. Il timore di una diffusione della malattia era abbastanza elevato. Per questo è stato fatto ogni sforzo. Il personale dell'ospedale si è dato da fare al massimo e anche gli agenti della volante hanno cercato di capire dove possa essere andato a finire il detenuto evaso. L'uomo è stato cercato anche fuori dall'ospedale nei luoghi che frequentava e anche nelle case di amici. Ma la lunga ricerca non ha prodotto alcun risultato. Le ricerche sono andate avanti anche ieri per tutta la giornata, ma il tunisino sembra essere sparito nel nulla. Sono state avvertite anche le compagnie dei carabinieri sul territorio e le questure delle città vicine. Ormai sembra sicuro che o il tunisino sia riuscito a lasciare la città o che abbia raggiunto un rifugio sicuro.

La preoccupazione è che possa contagiare qualcuno. Il fatto che il tunisino fosse ricoverato nel reparto infettivo dimostra che lo stadio della malattia comunque era abbastanza avanzato. Da qui la preoccupazione di medici e forze dell'ordine. Per questo le forze dell'ordine hanno moltiplicato gli sforzi. La fuga, comunque, non è stata ancora interrotta. I controlli, però, vanno avanti a ritmo serrato. Si cerca in tutti gli ambienti che il tunisino frequentava e anche nelle zone battute dai suoi connazionali.

Il Trentino

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso per 540 allievi di Polizia Penitenziaria: domanda entro l’8 maggio

2 Gli Agenti penitenziari assolti dal caso Cucchi citano in giudizio tre Ministeri: Giustizia, Difesa e Interno

3 Il Consiglio di Stato boccia il riordino in due punti: sovrintendenti e Luogotenente senza criterio

4 Fuorni. Bomba in carcere, si indaga. Oggi la protesta dei Poliziotti Penitenziari

5 Prato, agente di Polizia Penitenziaria insegue scippatore e lo fa arrestare

6 Travolta e uccisa una ciclista: Poliziotto penitenziario indagato per omicidio stradale

7 Intimidazioni alla Polizia Penitenziaria: forate le ruote delle auto del Corpo a Cagliari

8 Torino, agente penitenziario si porta a casa il rame dei condizionatori

9 Igor il russo, l''ex compagno di cella: E'' diventato Ezechiele dopo la conversione

10 Grappa artigianale preparata dai detenuti nel carcere di Bologna


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Servizio di polizia stradale: la penitenziaria è la più temuta tra le forze dell''ordine!

2 Ecco le nuove insegne di qualifica dopo il riordino delle carriere

3 Un anno fa ci lasciava Nicola Caserta

4 Riordino delle carriere: arriva l’ok anche del Consiglio di Stato

5 Riordino delle carriere: buono l’esito delle consultazioni dei sindacati e dei Co.Ce.r. presso le commissioni parlamentari

6 Francesco Di Cataldo: in memoria del Maresciallo Maggiore degli Agenti di Custodia ucciso dalle BR a Milano il 20 aprile 1978

7 Riordino delle carriere. Analisi della situazione dei Sovrintendenti

8 Riordino: una proposta per le nuove insegne di qualifica della Polizia Penitenziaria

9 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

10 Riordino: perché negare l’evidenza dei benefici?