Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto marocchino frattura il setto nasale a Poliziotto penitenziario nel carcere di Pesaro

Polizia Penitenziaria - Detenuto marocchino frattura il setto nasale a Poliziotto penitenziario nel carcere di Pesaro


Notizia del 22/08/2016 - PESARO E URBINO
Letto (5603 volte)
 Stampa questo articolo


Un detenuto nordafricano di origine islamica del carcere di Villa Fastiggi, a Pesaro, ha aggredito un agente di Polizia Penitenziariasferrandogli un pugno al volto, e secondo il sindacato degli agenti Sappe gli avrebbe rotto il setto nasale. ”Un’aggressione tanto brutale quanto violenta – dice il segretario regionale del Sappe Marche Nicandro Silvestri -, commessa da un detenuto già noto alle cronache penitenziarie per il suo fondamentalismo islamico e per essere stato protagonista di molti eventi critici durante la detenzione”.

Il Dipartimento regionale dell’amministrazione penitenziaria, interpellato dall’Ansa, ha confermato l’episodio, ma non la circostanza secondo la quale l’aggressore sarebbe ”un fondamentalista votato alla Jihad”, come si legge in una nota del Sindacato autonomo di polizia. Anche perché, rileva il Dap, in questo caso l’uomo sarebbe recluso in un altro carcere. Come tutti i detenuti di religione islamica, è comunque ”sottoposto a sorveglianza per evitare fenomeni di proselitismo fondamentalista”. Stando alla ricostruzione di Nicandro, il nordafricano ha aggredito ”senza una ragione e vigliaccamente il poliziotto di servizio e gli ha rotto il setto nasale, colpendolo anche con sputi e calci”. Il Sappe contesta ”il ‘regime penitenziario aperto’ in atto nell’istituto di Pesaro, e chiede più assunzioni di personale”.

Il detenuto protagonista dell’aggressione al poliziotto è un marocchino di 44 anni, che deve scontare una condanna lunghissima (fine pena 2035) per violenza e reati contro il patrimonio, commessi anche in Francia, dove dovrebbe essere estradato dopo aver saldato il conto con la giustizia in Italia. Secondo il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, che attende il referto dell’ospedale sulle lesioni riportate dall’agente, è di fede musulmana ma non ha destato sospetti di una presunta radicalizzazione, anche perché non socializza con nessuno, neppure con i connazionali. Non partecipa alle attività di reinserimento, e vuole stare da solo il più possibile: reagisce con insofferenza ai controlli in cella e proprio questo sarebbe il motivo per il quale venerdì scorso (ma la notizia si è appresa oggi) ha sferrato un pugno all’agente di custodia andato ad aprire il cancello. Anche in passato il marocchino aveva reagito con violenza ad una perquisizione.

blitzquotidiano.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE MARCHE
Statistiche carceri Regione Marche







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

7 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane