Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuto marocchino sputa e aggredisce agenti penitenziari perché non voleva essere trasferito

Polizia Penitenziaria - Detenuto marocchino sputa e aggredisce agenti penitenziari perché non voleva essere trasferito


Notizia del 16/10/2013 - FIRENZE
Letto (2520 volte)
 Stampa questo articolo


Aggressioni in carcere: detenuto marocchino aggredisce Poliziotti penitenziari dopo notizia del suo trasferimento.

Tre agenti della Polizia Penitenziaria del carcere fiorentino di Sollicciano al pronto soccorso dopo l'intervento per calmare un detenuto. La prognosi è di alcuni giorni.

E' successo oggi a Sollicciano. Il detenuto, un magrebino ''pluripregiudicato per reati connessi alla droga'', ha messo in atto una protesta nel tentativo di evitare il trasferimento in un'altra parte dell'istituto. Il malvivente inizialmente ha sputato in faccia a un soprintendente, quindi ha iniziato ad accatastare all'interno della cella suppellettili e altro materiale a cui ha dato fuoco con un fornellino.

Gli agenti sono intervenuti con gli estintori e, una volta spento il fuoco, sono entrati nella cella per accertarsi delle condizioni del carcerato, che in tutta risposta ha iniziato a colpirli.

Questo il commento del segretario generale del Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria, Donato Capece: "Questo è il terzo episodio di violenza in un carcere toscano in pochi giorni. Dopo quelli di Pisa e Lucca, ora è il caso del carcere fiorentino di Sollicciano. Un penitenziario, va detto con chiarezza, nel quale l'organizzazione del lavoro dei poliziotti è assai precaria, c'è un forte malumore dei baschi azzurri verso una direzione del carcere che sentono insensibile, indifferente e distante ai problemi reali di chi lavora nella prima linea delle sezioni detentive''.

lanazione.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Nicola Gratteri: 20mila posti in più nelle carceri e mafiosi lavorino gratis per pulire boschi e spiagge

5 Rubata cassaforte dentro al carcere di Torino: era nei locali gestiti da un''associazione di detenuti

6 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

7 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

8 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

9 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

10 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Al carcere di Augusta ci sono sindacati della Polizia Penitenziaria che scrivono al Garante dei detenuti

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo