Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuto morto dopo uno sciopero della fame nel carcere di Lecce: Gip archivia inchiesta

Polizia Penitenziaria - Detenuto morto dopo uno sciopero della fame nel carcere di Lecce: Gip archivia inchiesta


Notizia del 30/01/2014 - LECCE
Letto (1877 volte)
 Stampa questo articolo


 

Il gip presso il tribunale di Lecce, Annalisa De Benedictis, ha disposto l’archiviazione dell’inchiesta a carico di 18 medici in servizio presso il carcere di Borgo San Nicola, indagati per omicidio colposo in relazione alla morte di un detenuto albanese, Cristian Virgil Pop, avvenuta il 13 maggio 2012, in seguito a un prolungato sciopero della fame.

L’archiviazione era stata sollecitata dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero, che ha ritenuto infondata la notizia di reato, dopo aver esaminato tutta la documentazione sanitaria relativa alla vittima e la relazione sulle cure somministrate firmata dai consulenti tecnici d’ufficio. Pop – stando a quanto ricostruito – si trovava nel carcere di Lecce dall’ottobre 2011, per scontare una condanna a 21 anni di reclusione e aveva effettuato ripetuti scioperi della fame, rendendosi protagonista anche di aggressioni contro il personale medico e la Polizia Penitenziaria, nonché di atti di autolesionismo. A Lecce, nello specifico, aveva più volte rifiutato il cibo, per periodi piuttosto lunghi, iniziando l’ ultimo sciopero il 13 maggio 2012.

Il 10 maggio poi era stato ricoverato d’ urgenza all’ospedale “Vito Fazzi” e il giorno successivo era morto a causa della denutrizione. Le indagini hanno consentito di verificare che le condotte diagnostico-terapeutiche a cui Pop era stato sottoposto nel penitenziario erano conformi alla legge e “tempestive”, che il detenuto era stato sottoposto anche a visite psichiatriche e che lo stesso aveva rivelato di voler raggiungere una condizione di denutrizione per indurre i magistrati di sorveglianza a rivedere il suo caso. I medici – scrive il pm nella richiesta di archiviazione – lo hanno ripetutamente informato dei pericoli della sua condotta e hanno disposto il trasferimento in ospedale ogni volta che è stato male.

Secondo i consulenti della Procura, i sanitari “sono tenuti ad assistere la persona che consapevolmente rifiutava di nutrirsi ma non potevano in alcun modo assumere iniziative coattive di nutrizione artificiale”. Non potevano, secondo il pm, costringere Pop a mangiare nè nutrirlo artificialmente, per questo motivo non possono essere ritenuti responsabili della sua morte.

 

fonte Paesenuovo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Commissione Antimafia: 41bis è insostituibile e convenzione tra DAP e Servizi segreti va riscritta, troppe ombre


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia