Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto morto dopo uno sciopero della fame nel carcere di Lecce: Gip archivia inchiesta

Polizia Penitenziaria - Detenuto morto dopo uno sciopero della fame nel carcere di Lecce: Gip archivia inchiesta


Notizia del 30/01/2014 - LECCE
Letto (1607 volte)
 Stampa questo articolo


 

Il gip presso il tribunale di Lecce, Annalisa De Benedictis, ha disposto l’archiviazione dell’inchiesta a carico di 18 medici in servizio presso il carcere di Borgo San Nicola, indagati per omicidio colposo in relazione alla morte di un detenuto albanese, Cristian Virgil Pop, avvenuta il 13 maggio 2012, in seguito a un prolungato sciopero della fame.

L’archiviazione era stata sollecitata dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero, che ha ritenuto infondata la notizia di reato, dopo aver esaminato tutta la documentazione sanitaria relativa alla vittima e la relazione sulle cure somministrate firmata dai consulenti tecnici d’ufficio. Pop – stando a quanto ricostruito – si trovava nel carcere di Lecce dall’ottobre 2011, per scontare una condanna a 21 anni di reclusione e aveva effettuato ripetuti scioperi della fame, rendendosi protagonista anche di aggressioni contro il personale medico e la Polizia Penitenziaria, nonché di atti di autolesionismo. A Lecce, nello specifico, aveva più volte rifiutato il cibo, per periodi piuttosto lunghi, iniziando l’ ultimo sciopero il 13 maggio 2012.

Il 10 maggio poi era stato ricoverato d’ urgenza all’ospedale “Vito Fazzi” e il giorno successivo era morto a causa della denutrizione. Le indagini hanno consentito di verificare che le condotte diagnostico-terapeutiche a cui Pop era stato sottoposto nel penitenziario erano conformi alla legge e “tempestive”, che il detenuto era stato sottoposto anche a visite psichiatriche e che lo stesso aveva rivelato di voler raggiungere una condizione di denutrizione per indurre i magistrati di sorveglianza a rivedere il suo caso. I medici – scrive il pm nella richiesta di archiviazione – lo hanno ripetutamente informato dei pericoli della sua condotta e hanno disposto il trasferimento in ospedale ogni volta che è stato male.

Secondo i consulenti della Procura, i sanitari “sono tenuti ad assistere la persona che consapevolmente rifiutava di nutrirsi ma non potevano in alcun modo assumere iniziative coattive di nutrizione artificiale”. Non potevano, secondo il pm, costringere Pop a mangiare nè nutrirlo artificialmente, per questo motivo non possono essere ritenuti responsabili della sua morte.

 

fonte Paesenuovo

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?