Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto pestato da detenuti: agente accusato di falso, perizia medica stabilirà gravità delle lesioni

Polizia Penitenziaria - Detenuto pestato da detenuti: agente accusato di falso, perizia medica stabilirà gravità delle lesioni


Notizia del 07/04/2013 - PIACENZA
Letto (2975 volte)
 Stampa questo articolo


Nominati dal gip tre periti. Un 45enne venne massacrato da due detenuti immigrati - “parli troppo” - e il poliziotto, secondo le accuse, sarebbe rimasto a guardare. Sono tre i medici che dovranno dire se le lesioni riportate da un detenuto, durante un duro pestaggio, avrebbero potuto causare la morte e se lo stesso uomo abbia subito un tentativo di strangolamento.

I sanitari sono stati nominati durante l’udienza dal giudice per le indagini preliminari, Gianandrea Bussi. Gli avvocati difensori dei tre indagati per tentato omicidio, due detenuti e un agente della Polizia Penitenziaria (quest’ultimo accusato anche di falso), avevano chiesto il rito abbreviato, condizionato, però, alla perizia medica. Un particolare importante, perché se i medici diranno che quelle lesioni non sarebbero potute essere mortali il reato per i tre accusati potrebbe diventare di lesioni gravissime e non più tentato omicidio. I medici nominati sono Tiziana Folin, consulente del giudice; Luigi Mulazzi, perito della difesa del poliziotto assistito dagli avvocati Luigi Alibrandi e Benedetto Ricciardi; lo stesso medico sarà perito di parte anche per i difensori dei due immigrati accusati, gli avvocati Wally Salvagnini e Piero Spalla.

Per il detenuto picchiato, che si costituirà parte civile, con gli avvocati Paolo Cattadori, Michele Cattadori e Antonino Rossi, è stato indicato il medico Alberto Siclari. I camici bianchi avranno 60 giorni di tempo per riferire al giudice i loro risultati, analizzando i certificati medici e visitando l’uomo. Il pestaggio avvenne nel luglio del 2011 quando un detenuto genovese di 45 anni fu brutalmente picchiato da due immigrati, un ecuadoriano di 23 anni e un marocchino di 36 anni.

Secondo gli inquirenti della polizia, il poliziotto della Penitenziaria non sarebbe intervenuto lasciando che i due - ma all’aggressione parteciparono anche altri - lo pestassero. Secondo la difesa, invece, l’agente intervenne quando se ne accorse e mise in salvo il genovese aggredito e un altro detenuto. Futili - anche se ritenuti importanti all’interno del carcere - i motivi che avrebbero portato alla spedizione punitiva: piccoli favori all’interno delle celle, garantiti dal poliziotto della penitenziaria, e il fatto che il genovese sembra avesse “la lingua lunga” perché aveva denunciato i favoritismi.

E secondo la legge non scritta del carcere che “parla troppo” rischia e gli viene “spiegato” che è meglio tenere la bocca chiusa. All’agente, il sostituto procuratore Ornella Chicca, titolare di una lunga indagine, ha contestato anche alcuni episodi di falso. Il detenuto pestato era stato ridotto in gravi condizioni, con numerose fratture tanto che ha riportato danni permanenti, e venne ricoverato in ospedale per un mese e poi trasferito in un’altra struttura, per evitare ritorsioni. Il 45enne, secondo una ricostruzione della polizia, si trovava in un corridoio con un altro detenuto.

Quest’ultimo aveva ricevuto una gomitata ed era scappato. Il genovese era così stato aggredito, buttato a terra e colpito da calci e pugni in tutto il corpo, specialmente in viso. L’agente, secondo le indagini, sarebbe accorso, ma “sarebbe rimasto a guardare”. Nel dicembre del 2011 l’inchiesta ebbe una svolta, perché la procura chiese l’arresto dei due detenuti e dell’agente.

ilpiacenza.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 L’estate del detenuto