Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto registra frasi choc in carcere per sei anni, Capece (Sappe): Serve verifica

Polizia Penitenziaria - Detenuto registra frasi choc in carcere per sei anni, Capece (Sappe): Serve verifica


Notizia del 05/12/2015 - ROMA
Letto (2171 volte)
 Stampa questo articolo


Torino, 4 dic. (LaPresse) - "Brigadiere, lei non mi ha toccato, ma perché non hai fermato il tuo collega che mi stava picchiando. Bastava dire Fermati". "Fermarlo? Chi, a lui? No, se il mio collega te le dà io entri in cella e te le do pure io. Poi siamo in due a dartele. Anzi, sono stato più corretto: mi sono trattenuto e non te le ho date. Basta uno solo che te le dà". Oppure "Con voi bisogna usare il bastone e la carota. la violenza, quella che dici tu, non é detto che  sia solo quella fisica perchè il detenuto entra nel carcere ed esce più delinquente di prima. Non perché piglia gli schiaffi, o quantomeno, non solo: perché  l'istituzione carcere, non funziona".

Sono queste alcune delle registrazioni fatte da Rachid Assarag, detenuto marocchino quarantenne, che sta scontando una pena di 9 anni e 4 mesi per violenze sessuali in cella a Biella. Dialoghi avvenuti con agenti, medici, infermieri e che il detenuto ha catturato attraverso un registratore. Testimoniano le sevizie e le minacce che avrebbe subito in questi anni.

Tutto sarebbe iniziato nel carcere di Parma. E la prima denuncia parte proprio in quell'occasione: l'uomo viene assistito dall'avvocato Fabio Anselmo. Quello è però anche l'inizio del suo  calvario per le carceri dell'Italia: ne gira undici per l'esattezza. Da Milano a Parma, da Prato a Firenze passando per Massa Carrara, Napoli, Volterra, Genova, Sanremo, Lucca e infine Biella. Sempre registrando cosa accade nella sua cella.

Storie di una detenzione fatta di percosse e botte. "L'altra volta mi hai fatto esaurire, ti eri nascosto perfino sotto il letto!- afferma un agente. "Perché mi volete picchiare!". Risponde il detenuto. "Se ti volevamo picchiare, no? Era facile, ti pigliavamo, ti portavamo giù e ti picchiavamo".

E ancora: "Devo uscire dal carcere più cattivo di prima? Dopo tutta questa violenza ricevuta, chi esce da qui poi torna". La risposta è invece di smentirlo difende l'uso della violenza come metodo rieducativo. "Le botte? Con questi metodi noi abbiamo ottenuto risultati ottimi".

E mentre Rachid si trova su una sedia a rotelle per via dello sciopero della fame che ha intrapreso nel carcere di Biella, le conversazioni sono state acquisite dai magistrati, e altre verranno acquisite nei prossimi giorni, il legale a La Presse afferma: "Quello raccontato nelle registrazioni è lo spaccato di vita carceraria vissuto da Rachid. I fatti sono gravissimi. In alcuni casi di parla anche delle morti dei detenuti. E per quello che ho sentito provo molta amarezza. Rachid sa di aver sbagliato, lo ripete sempre. Dice: Io ho sbagliato. Ho fatto errori gravi. Ma il carcere non mi può infliggere ulteriori punizioni - continua il legale - Sono preoccupato per salute di Rachid che ora si trova sulla sedie a rotelle per via dello sciopero della fame che ha iniziato per protestare contro i maltrattamenti subiti in questi anni. Senza contare che non è mai riuscito ad identificare i suoi aggressori".

 

IL SAPPE: FARE CHIAREZZA. "Non so come possa essere possibile che un detenuto che sta scontando una pena a 9 anni e 4 mesi di reclusione per violenza sessuale possa, durante la sua permanenza in cella in vari carceri del Paese, tenere con sé un registratore con cui memorizzare frasi riferite, a suo dire, a persone non accertate e non identificate ma, a dire suo e del legale, appartenenti all'amministrazione penitenziaria". Commenta così Donato Capece, segretario generale del Sappe, il sindacato autonomo Polizia Penitenziaria. eve essere chiaro che la Polizia Penitenziaria è una istituzione sana - continua Capece - Queste accuse generiche, di cui si deve accertare anzitutto la veridicità e la  reale consistenza, fanno male a coloro che il carcere lo vivono quotidianamente nella prima linea delle sezioni detentive, come le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria che svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità in un contesto assai complicato per l'esasperante sovraffollamento".

 

A chiedere verifiche anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando che ha richiesto al capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria un'eventuale attività ispettiva.

 

Fonte: La Presse.it

 

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 E'' stato ritrovato il Poliziotto penitenziario scomparso venerdì

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

2 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

3 Giuseppe Simeone, sostituto commissario al Dap, 59 anni, stroncato da un infarto

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

6 C’era una volta la sentinella

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Carceri: se dura da 20 anni non chiamiamola emergenza, chiamiamola incapacità del DAP

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum