Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Detenuto si traveste da donna e tenta la fuga durante i colloqui: poliziotti argentini lo scoprono

Polizia Penitenziaria - Detenuto si traveste da donna e tenta la fuga durante i colloqui: poliziotti argentini lo scoprono


Notizia del 11/09/2014 - ESTERO
Letto (1811 volte)
 Stampa questo articolo


Il piano era a suo modo ingegnoso: nessuna fatica fisica, niente notti passate a scavare tunnel o studiare planimetrie, nessuna violenza. Servivano solo dei trucchi da donna, una parrucca, qualche gioiello e un po’ di fortuna. Così il detenuto Pablo Morales Montenegro ha deciso di tentare: si è tagliato i baffi e pizzetto, ha indossato una lunga chioma posticcia e dei vestiti femminili e si è armato di ombretto, rossetto e fard. La “trasformazione” è avvenuta durante l’orario delle visite al carcere San Felipe di Mendoza, in Argentina, domenica. Tramutato in donna, il 37enne si è mescolato alla folla di parenti e ha provato a uscire tranquillamente dal penitenziario. Puntando sul fatto che, in cella da soli 20 giorni per frode, probabilmente non sarebbe stato riconosciuto dal personale. E infatti Montenegro è riuscito a superare un primo controllo. Ma quella strana signora ha attirato l’attenzione di una guardia che, insospettita, ha messo in allarme i colleghi deputati al controllo successivo: il prigioniero non ha avuto scampo.

Recidivo

Il direttore del carcere, Carlos Motos, ha dichiarato che questo è il primo tentativo di evasione di questo genere. Pablo Morales Montenegro, già scappato nell’ottobre del 2005 dalla colonia penale di Río Negro dove scontava una condanna a sette anni per tentata rapina, è stato riconosciuto anche da un neo sulla fronte, sopra l’occhio destro. Forse avrebbe dovuto usare più fondotinta. E proprio a partire dai trucchi le autorità sperano di risalire ai suoi complici: chi ha dato creme, parrucca e maquillage al detenuto? Una risposta verrà dalle telecamere di sorveglianza. «Montenegro aveva ricevuto due visite, una da parte di una donna - ha detto personale del San Felipe a Clarin.com -. È probabile che proprio la donna abbia portato in carcere il necessario per l’evasione, magari è entrata con addosso dei vestiti in più che poi ha scambiato in bagno con il prigioniero».

Gli «ispiratori»

Forse l’aspirante evaso ha tratto ispirazione da due suoi “colleghi”. Per la scelta del momento della fuga potrebbe aver pensato a Víctor «Meteoro» Suárez, scappato con un documento falso il mese scorso da un carcere argentino (in cui era appena arrivato) anche lui durante le visite. Per la messa in scena potrebbe essersi ricordato invece di Giovanni Rebolledo, latitante colombiano che era addirittura diventato una trans per sfuggire alla giustiziae si prostituiva. A entrambi è andata male: «Meteroro» è stato riacciuffato a 15 giorni dall’evasione perché aveva ripreso a fare truffe con le auto; Giovanni- Rosalinda ha incontrato il suo destino in una retata anti-lucciole.

corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”