Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuto sparò alla nuca della Poliziotta penitenziaria che non voleva fare sesso: rinviato a giudizio

Polizia Penitenziaria - Detenuto sparò alla nuca della Poliziotta penitenziaria che non voleva fare sesso: rinviato a giudizio


Notizia del 15/06/2016 - PADOVA
Letto (8384 volte)
 Stampa questo articolo


La poliziotta non vuole fare sesso con il detenuto, lui le spara tre volte alla nuca, ferendola in maniera grave. Lui è Costantino Carta, 56 anni, pastore sardo detenuto al Due Palazzi di Padova per l’omicidio dell’amante il 30 luglio 2006 a Ittiri, Sassari. Lei è un’agente della Polizia Penitenziaria di 55 anni, padovana, di cui l’uomo si era invaghito in carcere. Un episodio che a Costantino Carta è costato il rinvio a giudizio per tentato omicidio. Tutto inizia alle 19.30 dell’11 giugno 2014. I due si presentano al pronto soccorso del Sant’Antonio. Ad accompagnare la donna in ospedale è lo stesso detenuto che racconta di averla trovata a terra in una pozza di sangue, a casa sua.

Qualcosa però non convince i medici che si accorgono come le ferite al volto e alla nuca siano compatibili con un’arma da fuoco. Sul posto arrivano anche gli agenti della squadra Mobile che sentono la donna: è lei a raccontare di essere stata chiamata da Carta a metà pomeriggio per dargli un passaggio da un centro commerciale di Piove di Sacco fino all’Oasi dei padri Mercedari, dove l’uomo lavorava durante le ore di libertà concesse dal tribunale di Sorveglianza come permesso premio.

Una volta salito in macchina lui – è la versione della poliziotta del Due Palazzi – le avrebbe chiesto di fare sesso. Al suo rifiuto allora Carta avrebbe mostrato la pistola. Per tranquillizzarlo la donna decide di portarlo a casa sua, ma all’ennesimo “no” lui le spara con una pistola, riproduzione di una a salve, 6.35 modificata: tre colpi la centrano, uno finisce a terra. Gli agenti della Mobile trovano la pistola in un cassetto della cucina e i bossoli a terra. La donna, operata, ha sempre negato rapporti di amicizia, o intimi, con il detenuto.

corrieredelveneto.corriere.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Riordino dei ruoli della Polizia Penitenziaria e dirigenza dei Funzionari del Corpo. Capitolo 2

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

6 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia