Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla

Polizia Penitenziaria - Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla


Notizia del 04/10/2016 - GROSSETO
Letto (2698 volte)
 Stampa questo articolo


L'uomo che si è ucciso non era solo in cella: l'agente della penitenziaria che era in turno ha grandissima esperienza. C'è un'inchiesta interna, scattata subito dopo la morte del detenuto che si è ucciso in una cella del penitenziario di Grosseto e c'è un fascicolo aperto in Procura. Ma ci sono anche gli occhi di Maria Cristina Morrone, la direttrice, che si posano sul detenuto che con la scopa sta pulendo il corridoio davanti agli uffici, a pian terreno. Occhi che si bagnano, quando l'uomo dice: "Certo, fuori è meglio ma qui dentro si sta bene".

Quello che è successo la scorsa settimana in via Saffi è stato un evento unico. "Dirigo questo istituto da 18 anni - dice la direttrice Morrone - e mai alcun detenuto era riuscito a compiere un gesto del genere. Non possiamo fare altro che esprimere la nostra vicinanza alla sua famiglia, ma il nostro personale ha fatto tutto il possibile per evitare questa tragedia".

L'uomo, che aveva 47 anni, era arrivato al carcere di via Saffi con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dell'ex compagna. Non aveva rispettato il divieto di avvicinamento alla donna e per questo era finito in carcere, dopo l'ennesima lite. Una volta arrivato in via Saffi, dopo l'udienza di convalida dell'arresto, la direttrice insieme al personale della penitenziaria aveva cercato di trovare tutte le soluzioni possibili per aiutarlo. "Abbiamo applicato il protocollo alla lettera - spiega - e abbiamo subito cercato un istituto che potesse accoglierlo, un centro specializzato per chi aveva i suoi problemi". Problemi che sono stati affrontati, nel breve periodo di permanenza del quarantasettenne grazie all'attivazione dell'assistenza psicologica e psichiatrica.

L'uomo era nella sua cella e sembrava che dormisse. Erano le tre del mattino quando l'agente della penitenziaria è passato davanti a quella stanza. "Tra l'altro in turno c'era uno degli agenti con la maggiore esperienza - aggiunge Maria Cristina Morrone - Lo ha visto dormire, dopo un quarto d'ora invece aveva già tentato il suicidio". Non era solo in cella il quarantasettenne: nemmeno l'altro uomo che era con lui si è accorto di quello che stava per succedere. La sua volontà è stata più forte del giro di controllo dell'agente e della presenza di un altro detenuto nella sua cella, a pochi metri di distanza.

Quello che resta dopo quel suicidio è l'amarezza della direttrice e del personale del carcere. "Siamo sopraffatti da un senso di impotenza - dice ancora - ma non avremmo potuto fare altro. Una vita che si interrompe in questo modo è un grande dolore anche per tutti noi che facciamo questo lavoro con grande senso del dovere".

Il Tirreno

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook