Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla

Polizia Penitenziaria - Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla


Notizia del 04/10/2016 - GROSSETO
Letto (2466 volte)
 Stampa questo articolo


L'uomo che si è ucciso non era solo in cella: l'agente della penitenziaria che era in turno ha grandissima esperienza. C'è un'inchiesta interna, scattata subito dopo la morte del detenuto che si è ucciso in una cella del penitenziario di Grosseto e c'è un fascicolo aperto in Procura. Ma ci sono anche gli occhi di Maria Cristina Morrone, la direttrice, che si posano sul detenuto che con la scopa sta pulendo il corridoio davanti agli uffici, a pian terreno. Occhi che si bagnano, quando l'uomo dice: "Certo, fuori è meglio ma qui dentro si sta bene".

Quello che è successo la scorsa settimana in via Saffi è stato un evento unico. "Dirigo questo istituto da 18 anni - dice la direttrice Morrone - e mai alcun detenuto era riuscito a compiere un gesto del genere. Non possiamo fare altro che esprimere la nostra vicinanza alla sua famiglia, ma il nostro personale ha fatto tutto il possibile per evitare questa tragedia".

L'uomo, che aveva 47 anni, era arrivato al carcere di via Saffi con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dell'ex compagna. Non aveva rispettato il divieto di avvicinamento alla donna e per questo era finito in carcere, dopo l'ennesima lite. Una volta arrivato in via Saffi, dopo l'udienza di convalida dell'arresto, la direttrice insieme al personale della penitenziaria aveva cercato di trovare tutte le soluzioni possibili per aiutarlo. "Abbiamo applicato il protocollo alla lettera - spiega - e abbiamo subito cercato un istituto che potesse accoglierlo, un centro specializzato per chi aveva i suoi problemi". Problemi che sono stati affrontati, nel breve periodo di permanenza del quarantasettenne grazie all'attivazione dell'assistenza psicologica e psichiatrica.

L'uomo era nella sua cella e sembrava che dormisse. Erano le tre del mattino quando l'agente della penitenziaria è passato davanti a quella stanza. "Tra l'altro in turno c'era uno degli agenti con la maggiore esperienza - aggiunge Maria Cristina Morrone - Lo ha visto dormire, dopo un quarto d'ora invece aveva già tentato il suicidio". Non era solo in cella il quarantasettenne: nemmeno l'altro uomo che era con lui si è accorto di quello che stava per succedere. La sua volontà è stata più forte del giro di controllo dell'agente e della presenza di un altro detenuto nella sua cella, a pochi metri di distanza.

Quello che resta dopo quel suicidio è l'amarezza della direttrice e del personale del carcere. "Siamo sopraffatti da un senso di impotenza - dice ancora - ma non avremmo potuto fare altro. Una vita che si interrompe in questo modo è un grande dolore anche per tutti noi che facciamo questo lavoro con grande senso del dovere".

Il Tirreno

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria, Orlando: per il 2017 altri 305 Agenti assunti in aggiunta a quelli già previsti

2 In fuga ed è pericoloso: arrestato dopo sparatoria con la Polizia di Stato, piantonato in ospedale riesce a fuggire

3 Detenuto evade da ospedale: arrestato dopo qualche ora

4 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Baby boss nelle carceri minorili: M5S conto i 25enni nelle carceri minorili

8 Detenuto frattura un dito ad Ispettore di Polizia Penitenziaria di Imperia: non voleva rientrare dalle celle aperte

9 Il Gip archivia le accuse contro gli Agenti penitenziari di Trento: non ci furono maltrattamenti nei confronti dei detenuti

10 Isola di Santo Stefano: inaugurata elisuperfice per iniziare il restauro del carcere


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 In memoria dell''Appuntato del Corpo degli Agenti di Custodia Nerio Fischione, ucciso a Brescia durante tentativo di evasione nel 1974

3 Stabilimento balneare di Roma-Maccarese: quando la Polizia Penitenziaria è ospite (indesiderato) a casa sua.

4 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle “veline”.

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

10 Carceri al collasso. La soluzione? Uova, uova di quaglia per tutti