Novembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla

Polizia Penitenziaria - Detenuto suicida a Grosseto , la Direttrice del carcere: protocollo applicato alla lettera, nemmeno il suo compagno di cella si è accorto di nulla


Notizia del 04/10/2016 - GROSSETO
Letto (2563 volte)
 Stampa questo articolo


L'uomo che si è ucciso non era solo in cella: l'agente della penitenziaria che era in turno ha grandissima esperienza. C'è un'inchiesta interna, scattata subito dopo la morte del detenuto che si è ucciso in una cella del penitenziario di Grosseto e c'è un fascicolo aperto in Procura. Ma ci sono anche gli occhi di Maria Cristina Morrone, la direttrice, che si posano sul detenuto che con la scopa sta pulendo il corridoio davanti agli uffici, a pian terreno. Occhi che si bagnano, quando l'uomo dice: "Certo, fuori è meglio ma qui dentro si sta bene".

Quello che è successo la scorsa settimana in via Saffi è stato un evento unico. "Dirigo questo istituto da 18 anni - dice la direttrice Morrone - e mai alcun detenuto era riuscito a compiere un gesto del genere. Non possiamo fare altro che esprimere la nostra vicinanza alla sua famiglia, ma il nostro personale ha fatto tutto il possibile per evitare questa tragedia".

L'uomo, che aveva 47 anni, era arrivato al carcere di via Saffi con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dell'ex compagna. Non aveva rispettato il divieto di avvicinamento alla donna e per questo era finito in carcere, dopo l'ennesima lite. Una volta arrivato in via Saffi, dopo l'udienza di convalida dell'arresto, la direttrice insieme al personale della penitenziaria aveva cercato di trovare tutte le soluzioni possibili per aiutarlo. "Abbiamo applicato il protocollo alla lettera - spiega - e abbiamo subito cercato un istituto che potesse accoglierlo, un centro specializzato per chi aveva i suoi problemi". Problemi che sono stati affrontati, nel breve periodo di permanenza del quarantasettenne grazie all'attivazione dell'assistenza psicologica e psichiatrica.

L'uomo era nella sua cella e sembrava che dormisse. Erano le tre del mattino quando l'agente della penitenziaria è passato davanti a quella stanza. "Tra l'altro in turno c'era uno degli agenti con la maggiore esperienza - aggiunge Maria Cristina Morrone - Lo ha visto dormire, dopo un quarto d'ora invece aveva già tentato il suicidio". Non era solo in cella il quarantasettenne: nemmeno l'altro uomo che era con lui si è accorto di quello che stava per succedere. La sua volontà è stata più forte del giro di controllo dell'agente e della presenza di un altro detenuto nella sua cella, a pochi metri di distanza.

Quello che resta dopo quel suicidio è l'amarezza della direttrice e del personale del carcere. "Siamo sopraffatti da un senso di impotenza - dice ancora - ma non avremmo potuto fare altro. Una vita che si interrompe in questo modo è un grande dolore anche per tutti noi che facciamo questo lavoro con grande senso del dovere".

Il Tirreno

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Incidente stradale a Sassari, muore Agente di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Bancali

2 Detenuto infilza due Poliziotti penitenziari con un tubo divelto dal bagno: colpiti alla schiena e al braccio

3 Si costituisce nel carcere di Bollate, Giuseppe Morabito: era ricercato per traffico internazionale di droga

4 Collaboratore di giustizia rivela: in carcere ho scalato la gerarchia della ''ndrangheta e sono diventato padrino

5 E'' deceduto il detenuto ferito con cinque colpi di pistola all''uscita del carcere di Secondigliano

6 Riforma Madia, drastico taglio del personale di Polizia Penitenziaria in Lombardia

7 Trovati due telefoni cellulari nel carcere di Milano Bollate

8 Detenuti o in misura alternativa al lavoro nei Tribunali. Sappe: non sarebbe meglio impiegarli in altri lavori?

9 Arrestata la moglie di Salvino Madonia: teneva i contatti con i 41-bis per riorganizzare cosa nostra

10 Il video di Michele Zagaria in carcere al 41-bis registrato durante il colloquio con le donne arrestate oggi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Assistente Capo della Polizia Penitenziaria si è suicidato con la pistola d''ordinanza nel carcere di Tolmezzo

2 L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

3 Finalmente il DAP ammette la propria inettitudine. " ... siamo sterili, fini a noi stessi e senza obiettivi.”

4 Istituire un Dipartimento Esecuzione Penale e, se serve, diventare Polizia di Stato

5 In corso operazione del NIC della Polizia Penitenziaria: arrestate le mogli dei fratelli del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria

6 Gianfranco De Gesu e Anna Internicola, marito e moglie ai vertici del Provveditorato Sicilia: interrogazione parlamentare Onorevole Polverini

7 Polizia Penitenziaria arresta islamico in carcere il giorno della sua scarcerazione: algerino istigava altri detenuti al jihad nel penitenziario di Nuoro

8 DIA e NIC della Polizia Penitenziaria smantellano struttura del casalesi utilizzata per recapitare lo stipendio ai detenuti

9 Ho visto cose che voi umani …

10 Decreto Legislativo n.81/2008: Priorità all''ordine e alla disciplina ma senza tralasciare la sicurezza del posto di lavoro