Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Detenuto suicida nel carcere di Pagliarelli: aveva appena iniziato a collaborare

Polizia Penitenziaria - Detenuto suicida nel carcere di Pagliarelli: aveva appena iniziato a collaborare


Notizia del 29/01/2015 - PALERMO
Letto (2972 volte)
 Stampa questo articolo


È uno strano suicidio quello avvenuto oggi nel carcere di Pagliarelli a Palermo. A togliersi la vita è stato Ciro Carrello, 26 anni. Napoletano di origine, ma residente a Bagheria.

Gli agenti lo hanno trovato impiccato con un lenzuolo, nell’infermeria del penitenziario, in cui era detenuto in isolamento. Si indaga per capire se si sia trattato effettivamente di un suicidio.

Qualche tempo dopo essere finito in manette,qualcuno aveva recapitato nella sua cella un paio di bigliettini, nei quali il giovane veniva invitato a “stare sereno” e pensare soltanto ai propri familiari. Un episodio, su cui sta indagando la procura di Palermo.

Carrello era finito in manette lo scorso 19 novembre, nel corso dell’operazione “Eden 2″ dei carabinieri del Ros, che aveva mandato dietro le sbarre sedici presunti affiliati aCosa nostra, di Castelvetrano e Brancaccio: un blitz, volto a fare terra bruciata attorno al super latitante Matteo Messina Denaro.

Da qualche settimana, lo stesso Carrello aveva incominciato a parlare con i magistrati, riempiendo fiumi di verbali e facendo nomi e particolari di rapine, messe a segno per finanziare Cosa nostra. Fra i nomi che aveva fatto c’è quello di Ruggero Battaglia, che, secondo il dichiarante, avrebbe organizzato rapine per conto di tutti i mandamenti mafiosi di Palermo. E non è tutto, perché il ventiseienne avrebbe anche fatto i nomi di altri cinque complici, fino ad ora non toccati dalle indagini.

L’ultima volta in cui il detenuto aveva parlato ai pm risale a ieri sera e non avrebbe mostrato segni di nervosismo o che lasciassero presagire suoi propositi suicidi.

Quello svelato dal giovane sarebbe stato un vero e proprio “gruppo di fuoco”, specializzato in colpi al servizio della mafia. Il gruppo avrebbe fatto capo a Girolamo Bellomo, 37 anni, detto Luca, figlio di Filippo e Rosalia Messina Denaro, nonché cognato di Francesco Guttadauro, ritenuto il capomafia del mandamento di Castelvetrano.  Prima di finire in manette, nel 2013, la guida del gruppo sarebbe stata dello stesso Guttadauro.

Nei confronti di Carrello, l’accusa era di rapina aggravata dall’avere favorito Cosa nostra: fra gli episodi criminali che gli venivano contestati e dei quali stava parlando con il pm Carlo Marzella, molte rapine eseguite dalla banda. Fra queste, anche un colpo, consumato ai danni del deposito di una ditta di spedizioni di Campobello di Mazara riconducibile a una società recentemente sequestrata all’imprenditore Cesare Lupo, arrestato con l’accusa di essere un prestanome dei fratelli Graviano.

Una rapina, che sarebbe stata messa a segno da un commando di otto persone, proprio per compensare le perdite economiche dovute alla confisca della società. I ladri indossavano pettorine della polizia e si sarebbero mossi a bordo di due auto e di un furgone, finiti incendiati immediatamente dopo il colpo. Una volta giunti nel deposito, legarono e immobilizzarono idipendenti, affermando di cercare un carico di droga. Portarono via 600 colli di merce oltre a 17 mila euro in contanti.

Carrello era nipote del pentito Benito Morsicato, ex esponente mafioso di Bagheria. Di recente, di lui aveva parlato il collaboratore di giustizia Salvatore Lo Piparo, già affiliato anch’egli al clan bagherese, che aveva raccontato di una cassaforte con documenti interessanti, tenuta proprio da Carrello. La cassaforte venne poi perquisita, ma al suo interno non c’era nulla.

Gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno trovato in cella un bigliettino, che ora è all’esame degli inquirenti. Sul suo corpo è stata disposta l’autopsia.

loraquotidiano.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

5 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

6 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

7 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Boss mafiosi in carcere, Cassazione: va motivata meglio la negazione al differimento di pena per motivi di salute

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!