Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Detenzione Provenzano: la Procura di Palermo indaga sul 41-bis nel carcere di Parma

Polizia Penitenziaria - Detenzione Provenzano: la Procura di Palermo indaga sul 41-bis nel carcere di Parma


Notizia del 24/06/2013 - PALERMO
Letto (2813 volte)
 Stampa questo articolo


Bernardo Provenzano al 41-bis: la Procura di Palermo indaga sulle condizioni della detenzione dell'ex boss nel carcere di Parma.

La Procura di Palermo vuole fare luce sui "buchi neri" della detenzione di Bernardo Provenzano nel carcere di Parma. Un'indagine è stata aperta sui giorni trascorsi senza che sul capo di Cosa Nostra, sottoposto al regime del "carcere duro", vi fosse una vigilanza continua come avrebbe imposto il suo lignaggio criminale e come accade per tanti altri mafiosi finiti al "41 bis".

Un caso, quello della mancata sorveglianza costante sul boss mafioso, scoppiato dopo l'episodio avvenuto il 10 maggio del 2012. Quella sera Provenzano venne scoperto dagli agenti penitenziari del carcere parmense mentre armeggiava con un sacchetto che conteneva un frutto, e fin dal primo momento si parlò di tentato suicidio.

Da allora, la Procura di Palermo, con i sostituti Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, ha avviato un'indagine per capire cosa sia accaduto a Provenzano, che pareva fosse disposto ad "aprirsi" con la magistratura e a raccontare i suoi segreti che fanno paura a tanti. E così anche il giudice per le indagini preliminari, Piergiorgio Morosini (il gip che ha disposto il rinvio a giudizio degli imputati del "processo sulla trattativa Stato-mafia", tra i quali c'è anche Provenzano) ha iniziato a porre domande alla direzione del carcere di Parma. Scoprendo che dal tentato suicidio di Provenzano (appunto il 10 maggio 2012) all'inizio dei lavori per installare una videosorveglianza costante dentro la cella del superboss, di tempo ne è passato. Per l'esattezza i lavori risultano iniziati il 18 febbraio 2013, cioè otto mesi e qualche giorno dopo.

Una lettera spedita dal carcere di Parma agli uffici giudiziari di Palermo ha infatti fissato i tempi che sono stati necessari perché la sorveglianza sul capomafia diventasse continua. Procura e gip di Palermo hanno scoperto che solo il 5 marzo 2013 sono iniziate le videoriprese all'interno della cella. Tra l'altro, anche su input dei legali di Provenzano (i familiari temono per le condizioni di salute del boss, il video in cui egli accenna al fatto di aver preso botte è stato trasmesso giorni fa dal programma tv di Michele Santoro, "Servizio pubblico"), si è scoperto che per un lungo periodo le registrazioni video venivano cancellate ogni mese per asseriti motivi di 'spending review', perché gli stessi supporti venivano utilizzati più volte per memorizzare ulteriori riprese.

I pm di Palermo, Di Matteo e Tartaglia, hanno invece disposto che le registrazioni debbano restare conservate negli archivi del carcere di Parma per almeno sei mesi. Così da rendere costante la videosorveglianza su Provenzano, che pochi giorni fa è stato di nuovo ricoverato in un reparto sanitario per detenuti per l'aggravarsi delle condizioni di salute.

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico