Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Detenzione Provenzano: la Procura di Palermo indaga sul 41-bis nel carcere di Parma

Polizia Penitenziaria - Detenzione Provenzano: la Procura di Palermo indaga sul 41-bis nel carcere di Parma


Notizia del 24/06/2013 - PALERMO
Letto (2778 volte)
 Stampa questo articolo


Bernardo Provenzano al 41-bis: la Procura di Palermo indaga sulle condizioni della detenzione dell'ex boss nel carcere di Parma.

La Procura di Palermo vuole fare luce sui "buchi neri" della detenzione di Bernardo Provenzano nel carcere di Parma. Un'indagine è stata aperta sui giorni trascorsi senza che sul capo di Cosa Nostra, sottoposto al regime del "carcere duro", vi fosse una vigilanza continua come avrebbe imposto il suo lignaggio criminale e come accade per tanti altri mafiosi finiti al "41 bis".

Un caso, quello della mancata sorveglianza costante sul boss mafioso, scoppiato dopo l'episodio avvenuto il 10 maggio del 2012. Quella sera Provenzano venne scoperto dagli agenti penitenziari del carcere parmense mentre armeggiava con un sacchetto che conteneva un frutto, e fin dal primo momento si parlò di tentato suicidio.

Da allora, la Procura di Palermo, con i sostituti Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, ha avviato un'indagine per capire cosa sia accaduto a Provenzano, che pareva fosse disposto ad "aprirsi" con la magistratura e a raccontare i suoi segreti che fanno paura a tanti. E così anche il giudice per le indagini preliminari, Piergiorgio Morosini (il gip che ha disposto il rinvio a giudizio degli imputati del "processo sulla trattativa Stato-mafia", tra i quali c'è anche Provenzano) ha iniziato a porre domande alla direzione del carcere di Parma. Scoprendo che dal tentato suicidio di Provenzano (appunto il 10 maggio 2012) all'inizio dei lavori per installare una videosorveglianza costante dentro la cella del superboss, di tempo ne è passato. Per l'esattezza i lavori risultano iniziati il 18 febbraio 2013, cioè otto mesi e qualche giorno dopo.

Una lettera spedita dal carcere di Parma agli uffici giudiziari di Palermo ha infatti fissato i tempi che sono stati necessari perché la sorveglianza sul capomafia diventasse continua. Procura e gip di Palermo hanno scoperto che solo il 5 marzo 2013 sono iniziate le videoriprese all'interno della cella. Tra l'altro, anche su input dei legali di Provenzano (i familiari temono per le condizioni di salute del boss, il video in cui egli accenna al fatto di aver preso botte è stato trasmesso giorni fa dal programma tv di Michele Santoro, "Servizio pubblico"), si è scoperto che per un lungo periodo le registrazioni video venivano cancellate ogni mese per asseriti motivi di 'spending review', perché gli stessi supporti venivano utilizzati più volte per memorizzare ulteriori riprese.

I pm di Palermo, Di Matteo e Tartaglia, hanno invece disposto che le registrazioni debbano restare conservate negli archivi del carcere di Parma per almeno sei mesi. Così da rendere costante la videosorveglianza su Provenzano, che pochi giorni fa è stato di nuovo ricoverato in un reparto sanitario per detenuti per l'aggravarsi delle condizioni di salute.

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE SICILIA
Statistiche carceri Regione Sicilia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia