Dietro l’apparente durezza, c’è un uomo che nella sua vita ha dovuto confrontarsi ogni giorno con ogni genere di detenuto, dal ladro di polli al mafioso. Difficile non pensare a una tempra dal polso fermo.Anno 1979. Un 26enne fresco di lau" />

  Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Direttore del Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti

Polizia Penitenziaria - Direttore del  Carcere di Bergamo Porcino va in pensione:I miei 40 anni con i detenuti


Notizia del 21/05/2018 - BERGAMO
Letto (2462 volte)
 Stampa questo articolo



Dietro l’apparente durezza, c’è un uomo che nella sua vita ha dovuto confrontarsi ogni giorno con ogni genere di detenuto, dal ladro di polli al mafioso. Difficile non pensare a una tempra dal polso fermo.Anno 1979. Un 26enne fresco di laurea arriva dal profondo Sud per prendere servizio come vicedirettore del supercarcere di Novara. Due episodi, due istituti di pena, un solo nome. Quello di un giovane dottore in Giurisprudenza, calabrese di Reggio, Antonino Porcino. È lui il dirigente della blindatissima casa circondariale piemontese che qualche anno più tardi giungerà a Bergamo e traghetterà quel modo obsoleto di concepire il sistema penitenziario verso un modello meno crudo e più umano. Il direttore Porcino si avvia a fine mese al meritato riposo dopo 40 anni vissuti nell’amministrazione penitenziaria, al vertice delle carceri di mezza Italia, per 33 anni a Bergamo.

Un paio d’anni prima a Bergamo fu detenuto Enzo Tortora...

«Quando arrivai, Tortora era già ai domiciliari da metà gennaio 1984. Non l’ho visto. Per questioni procedurali firmai la documentazione quando fu messo in libertà».

La sezione Alta sicurezza, il 4 bis, è stata sempre affollata?

«Ospitava gente del crimine organizzato, come i capi storici dell’anonima sequestri sarda...»

Annino Mele?

«Anche. Con lui i rapporti sono sempre stati un po’ spigolosi, del resto era sottoposto a isolamento diurno».

 

Lei ha prestato servizio anche a Opera, dove era detenuto Totò Riina. Lo ha mai incontrato?

«Sì. Una volta accompagnai da lui il cardinale Tettamanzi».

Vi siete mai parlati?

«Il cardinale di Milano aveva chiesto l’incontro con Riina e lo accompagnai nella cella. Ci fu uno scambio di battute, i saluti, come sta ecc. Notai che sul tavolo della cella c’era un quotidiano sportivo, allora d’istinto chiesi a Riina: “lei tifa Palermo”, lui mi rispose: “no io sono di tifo milanista”. Ho avuto la sensazione che volesse interpretare la mia domanda a modo suo, per altri intenti, come un messaggio in codice e che magari la sua risposta potesse arrivare all’esterno. Difficile entrare in quella mente».

Fonte:ecodibergamo.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Non gradisce la sistemazione in cella, detenuto aggredisce agente della Penitenziaria

3 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

4 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

9 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Carceri: procuratore aggiunto Potenza Basentini verso guida Dap

3 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

4 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

5 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

6 Tempo di bilanci per il Ministero della Giustizia

7 In sezione comme a la guerre

8 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

9 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

10 La favoletta dell’autoconsegna di Siracusa e le fake news di certe paginette facebook