Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Direttore del carcere di Verona con 500 ore annue di strardinario pagato: ora vieta anche la pausa pranzo

Polizia Penitenziaria - Direttore del carcere di Verona con 500 ore annue di strardinario pagato: ora vieta anche la pausa pranzo


Notizia del 08/11/2014 - VERONA
Letto (4690 volte)
 Stampa questo articolo


I poliziotti penitenziari aderenti al Sindacato Autonomo Sappe, il primo e più rappresentativo dei Baschi Azzurri, si astengono dal consumare i pasti nella mensa di servizio del carcere per protestare contro le criticità e le problematiche di servizio e il direttore, per ripicca, impedisce che possano persino consumare un panino o un tramezzino e "staccare" la mezz'ora consentita per i pasti. Accade a Verona e la decisione del dirigente carcerario ha scatenato le proteste del Sappe, che annuncia denunce e una manifestazione pubblica di protesta davanti alla struttura detentiva scaligera.

Spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: " Il Sappe e le altre Sigle sindacali della Polizia Penitenziaria di Verona hanno deciso di dare vita a una incisiva forma di protesta presso la Casa Circondariale, consistente nell'astensione della mensa obbligatoria di servizio (M.O.S.), alla luce di reiterati ed inveterati atteggiamenti anti sindacali, volti ad impedire o limitare le prerogative sindacali con conseguenti effetti significativi sulla organizzazione del lavoro e, quindi, in definitiva, sul benessere del personale, dal 03.11.2014 al 05.11.2014.

A tale forma di protesta l'Autorità dirigente della Casa Circondariale di Verona ha ritenuto di reagire disponendo, peraltro verbalmente, di non concedere la pausa pasto al personale del Corpo che presta servizio all'interno delle sezioni detentive e che aderisce alla protesta. Insomma, i poliziotti chiuse nelle sezioni detentive del carcere per tutto il turno, senza nemmeno aver diritto a quella breve pausa che permette loro anche di staccare dal posto di servizio, dal contatto dei detenuti, seppur temporaneamente".

Il SAPPE annuncia una denuncia in Procura della Repubblica contro il direttore e una pubblica manifestazione di protesta, fuori dal carcere scaligero. E chiede l'intervento del Ministro della Giustizia Orlando, già sollecitato alcuni mesi fa. "Chiedo al Guardasigilli se sia opportuno che il direttore rimanga in questa sede, visto che alimenta tensioni e pericolose contrapposizioni.

E poi ricordiamoci che siamo sempre in attesa di sapere se è lecito che un direttore di carcere, un impiegato dello Stato che svolge compiti amministrative, faccia 500 ore di straordinario in un anno (succede a Verona, lo scorso anno e anche quello in corso, che deve ancora concludersi) pensando addirittura di tagliare lo straordinario a chi sta tutti i giorni in prima linea e a contatto con i detenuti, ossia i poliziotti penitenziari".

Sappe Informa

Al Direttore del carcere di Verona 500 ore di straordinario del 2013 non bastano: ne "ordina" altre 500 per il 2014

 

La Direttrice del carcere di Verona chiede 500 ore di straordinario per sè, ma taglia quello degli Agenti 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

2 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

3 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

4 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

5 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

6 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

7 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

8 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia

9 Carceri, la riforma rischia di slittare a dopo il voto. Troppe pene alternative

10 Sfiorata la sommossa nel carcere di Larino


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Transito a ruolo civile. Č legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

3 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

4 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

5 Ma chi siamo?

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia