Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Direttore faceva fuggire i detenuti dal penitenziario brasiliano: arrestato

Polizia Penitenziaria - Direttore faceva fuggire i detenuti dal penitenziario brasiliano: arrestato


Notizia del 17/09/2014 - ESTERO
Letto (1260 volte)
 Stampa questo articolo


Un direttore di carcere che aiuta i detenuti a fuggire, come in un film in cui non ci sono spettacolari piani da organizzare in cella, ma una compiacenza da ottenere secondo un sistema che ha sbalordito gli investigatori brasiliani che si sono occupati del caso: i carcerati venivano lasciati liberi "a tempo" per commettere rapine. Claudio Barcelos, direttore del Complesso penitenziario di Pedrinhas, dove sono rinchiusi alcuni dei criminali più pericolosi del Paese e ormai definito il carcere degli orrori, è stato arrestato dalla polizia di San Luis con l'accusa di aver favorito la fuga temporanea di alcuni criminali consentendo loro di commettere rapine, e di aver concesso la libertà in cambio di soldi, probabilmente frutto dei reati commessi in libertà concordata dai suoi prigionieri. L'inchiesta era in corso da oltre un anno nel più grande istituto penitenziario dello Stato di Maranhao.

Una casa di reclusione come un inferno: negli ultimi anni sono andati in scena omicidi, ribellioni, sparizioni e persino decapitazioni. Secondo le cifre del Consiglio nazionale della Giustizia Brasiliano, dal 2013 gli omicidi nelle mura di Pedrinhas sono stati addirittura 75. Il carcere ha una capacità di 1770 posti, ma i detenuti sono costantemente molti di più. Il sovraffollamento, unito a una terribile lotta tra bande e all'atteggiamento del direttore, secondo l'ultima ricostruzione degli inquirenti, avrebbero reso la casa circondariale una sorta di Stato nello Stato, regolato da assassinii e vendette. L'ultimo omicidio è avvenuto appena quattro giorni fa , sabato, mentre l'ultima fuga mercoledì scorso: trentasei detenuti sono scappati attraverso un foro nel muro scavato da un autocarro ribaltabile rubato all'interno del carcere. Nel penitenziario si sarebbero costituite bande di fazioni rivali e Pedrinhas è ormai un luogo di scontri sanguinosi per il comando del territorio. Nei mesi scorsi nove detenuti ritenuti dei leader delle organizzazioni interne sono stati trasferiti in altri istituti penitenziari.

Ma le indagini stanno facendo luce su particolari ancora più sconcertanti della vita del carcere, che alzano il velo su un microcosmo malato, dove le azioni più criminali avvenivano sotto il sole. A gennaio una commissione parlamentare ha denunciato che i familiari di alcuni reclusi erano obbligati ad avere rapporti sessuali con i capi banda. Il direttore è accusato per ora di aver agevolato le fughe e concesso favori in cambio di tangenti. Ma certamente nella prigione di San Luis non c'era alcun controllo su quanto avveniva dentro e fuori dalle celle. Lo scandalo di Pedrinhas sta riaprendo in Brasile il dibattito sul sovraffollamento delle carceri: i detenuti sono 550mila, ma si calcola che la popolazione carceraria è attestata su un 30% in più rispetto al numero dei posti disponibili.

ilgiornale.it

Carceri brasiliane: la bufala dell'APAC, la sorveglianza dinamica in chiave brasiliana

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”