Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Direttori carceri e Poliziotti in difficoltà nella gestione dei detenuti musulmani

Polizia Penitenziaria - Direttori carceri e Poliziotti in difficoltà nella gestione dei detenuti musulmani


Notizia del 19/01/2015 - ROMA
Letto (3730 volte)
 Stampa questo articolo


Sessanta in carcere, imam dall'esterno per le preghiere. L'incubo dei direttori: proselitismo con colloqui in arabo. Rispetto e attenzione. In due parole, è qui riassunto il trattamento speciale che la Direzione delle carceri riserva ai detenuti musulmani.

Rispetto: da anni il vitto è differenziato e si permette la preghiera ai fedeli islamici in moschee autogestite nelle carceri; in qualche caso ciò avviene con l'ingresso di imam dall'esterno, in altri casi con il riconoscimento ad alcuni detenuti del ruolo di imam, che notoriamente nella tradizione sunnita sono i più valenti tra i fedeli. Attenzione: il pericolo del proselitismo da parte dei fondamentalisti è molto considerato dal 2001 in poi.

Di qui un occhiuto controllo sulle comunicazioni interne ed esterne e sulle rimesse di denaro. Non per caso, i responsabili delle carceri partecipano dal 2008 alle riunioni settimanali del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo al ministero dell'Interno. Esattamente dieci anni fa, il Dap ordinò il primo screening sui detenuti musulmani.

Ne venne fuori un elenco di 58 nomi che scontavano pene per reati in qualche modo legati al terrorismo internazionale. I 58, peraltro, erano confinati in un circuito di 4 carceri speciali, ad Asti, Benevento, Macomer e Rossano. Dal monitoraggio emerse che, proprio perché chiusi in un circuito ad alta sicurezza, questi elementi più pericolosi non avevano contatti con la malavita comune e le occasioni di proselitismo erano eliminate.

Non tutti i pericoli, però. "Era evidente - scriveva Francesco Cascini, vicedirettore delle carceri fino a qualche mese fa - come taluni dei soggetti interessati si fossero ben integrati con gli altri reclusi, tanto da mantenere contatti anche quando non si trovavano nella stessa sede". Nel frattempo, il programma di monitoraggio si è esteso e affinato. Si è temuto che il proselitismo potesse venire dal basso. Perciò sono stati schedati tutti i soggetti che rivestivano la figura di imam. Tra i tanti, uno era davvero fuori dal comune: Domenico Quaranta, convertito all'Islam nel penitenziario di Trapani, arrestato nel 2002 per due attentati falliti, nella Valle dei Templi ad Agrigento e nella metrò di Milano, dove lasciò striscioni con scritte inneggianti ad Allah ed ai mujaheddin in Afghanistan, nel carcere dell'Ucciardone ha condotto la preghiera dei detenuti ristretti per il reato di terrorismo internazionale.

L'incubo dei direttori di carcere è la lingua. Infatti, non ci si può illudere pensando che i colloqui dei detenuti arabi, in arabo, possano essere decifrati dal personale. Vengono però frenati in ogni modo i contatti dall'esterno. Il regolamento carcerario prevede la possibilità per i detenuti di usare una radiolina personale. Gli apparecchi che essi usano per tale collegamento sono le radio a "banda larga", le uniche che consentono di captare il segnale di loro interesse. Il Dap, però, con una circolare del 2010 ne ha vietato l'uso per sicurezza.

Anche i libri possono essere uno strumento di proselitismo. La Polizia Penitenziaria è abituata a esaminare bene i testi. Ma lo scontro diventa incandescente, quando oggetto di perquisizione è il Corano, "libro che i detenuti portano sempre con sé: spesso rifiutano la perquisizione e rinunciano anche ad uscire dalla stanza detentiva pur di non permettere a nessuno di toccare il Libro Sacro".

La Stampa

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”