Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Direttrice, Comandante e Ispettore condannati per suicidio detenuta, avvocati difensori: sentenza ingiusta ricorreremo in appello

Polizia Penitenziaria - Direttrice, Comandante e Ispettore condannati per suicidio detenuta, avvocati difensori: sentenza ingiusta ricorreremo in appello


Notizia del 28/04/2015 - ROMA
Letto (3427 volte)
 Stampa questo articolo


Condanna ad un anno per la direttrice di Borgata Aurelia, un Commissario ed un Ispettore di Polizia Penitenziaria. I tre sono accusati di omicidio colposo per il suicidio di una detenuta avvenuto nel 2009. Assolto lo psichiatra. Gli avvocati difensori sorpresi dalla decisione del giudice: pronti a ricorrere in Appello una volta lette le motivazioni.

Sentenza di condanna ad un anno per i vertici del carcere di Borgata Aurelia accusati di omicidio colposo per la morte della detenuta Alessia T. che si suicidò all'interno della struttura il 20 giugno 2009, impiccandosi con i suoi stessi slip, dopo che già per due volte aveva tentato di togliersi la vita. Era infatti sottoposta a sorveglianza speciale, ma, secondo l'accusa, avrebbe dovuto essere sottoposta ad un controllo a vista 24 ore su 24.

Ad essere condannati sono stati la direttrice del carcere Patrizia Bravetti, l'ispettore responsabile del settore femminile Cecilia Ciocci ed il commissario facente funzione degli agenti di custodia Mario Celli. Assolto, invece, lo psichiatria Paolo Badellino. "Aspettiamo le motivazioni della sentenza - ha commentato l'avvocato Gianni Pane, difensore insieme al collega romano Francesco Bianchi della direttrice del carcere - per ricorrere poi in Appello. Civitavecchia è stato l'ultimo anello di una catena che non ha funzionato, da Rebibbia e fino al Dap. In questo caso stavamo parlando di un malato/detenuta, e non di una detenuta/malata. Ma a quanto pare l'aspetto custodiale ha prevalso su quello terapeutico ai fini della sentenza". "La ragazza - come infatti ha sottolineato l'avvocato Ludovico D'Amico, legale di Celli - andava curata prima di tutto, in un posto idoneo diverso dal carcere. Una volta lette le motivazioni impugneremo la sentenza, assolutamente ingiusta".

"Una sentenza che ci ha sorpresi, che ci lascia perplessi - hanno aggiunto gli avvocati Pier Salvatore e Francesca Maruccio, difensori dell'ispettrice Ciocci - ma che con molta tranquillità potrà essere oggetto di un'ampia revisione con il riconoscimento delle nostre ragione. La mia assistita ha ampiamente dimostrato la propria irresponsabilità in ragione delle condotte effettivamente poste in essere, nella qualità e nelle funzioni svolte all'interno del carcere. Non bisogna dimenticare che ci troviamo di fronte a strutture piramidali, nelle quali ognuno è competente per la funzione ed il ruolo che gli è stato addebitato".

Una sentenza, quella del giudice Ciancio che, accogliendo in pieno la tesi del sostituto procuratore Alessandro Gentile, secondo gli stessi avvocati non tiene conto di una serie di questioni; dall'inadeguatezza della struttura carceraria per un detenuto del genere, ad esempio, fino alla carenza di personale più volte lamentato da più parti. Soddisfatta l'avvocato Anna Maria Guerri, legale di Badellino. "Giustizia è stata resa - ha commentato - il dottor Badellino aveva consigliato la sorveglianza a vista per la donna. Anche il pm, alla luce di un iter processuale minuzioso, ha chiesto l'assoluzione per il mio assistito. Siamo quindi molto soddisfatti".

civonline.it

Condannati a un anno di reclusione la direttrice il Comandante e il responsabile del reparto: non sorvegliarono adeguatamente la detenuta che poi si tolse la vita

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

2 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

5 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

6 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

7 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

8 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

9 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Noi, vittime della Torreggiani

7 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

8 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!