Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Dorina Matei torna in semilibertà, ma stavolta con il divieto esplicito di usare Facebook

Polizia Penitenziaria - Dorina Matei torna in semilibertà, ma stavolta con il divieto esplicito di usare Facebook


Notizia del 05/05/2016 - VENEZIA
Letto (1124 volte)
 Stampa questo articolo


Doina Matei torna alla semilibertà con nuove regole: social network banditi e un rapporto più stretto con gli operatori della cooperativa per cui presterà servizio. A disporre la riammissione al programma alternativo alla detenzione è stato il tribunale di sorveglianza di Venezia, lo stesso che ne aveva decretato la sospensione dopo la bufera social.

Lo stop era arrivato l'11 aprile a causa delle foto pubblicate su Facebook dalla romena condannata a 16 anni per omicidio preterintenzionale: il 26 aprile 2007, lungo la banchina della metro A a Termini aveva colpito con la punta di un ombrello Vanessa Russo, perforandole l'occhio sinistro. La ragazza morì poche ore dopo in ospedale per la disperazione dei genitori.

 "Non sapevo di non poter usare Facebook - ha spiegato Doina nel corso dell'ultima udienza - era l'unico modo per rimanere i contatti con i miei figli. Ho capito di aver sbagliato e di aver ferito i familiari di Vanessa Russo". Tra le amicizie social della giovane  c'era anche una ex detenuta della casa di reclusione femminile di Giudecca. Non potrà più scriverle: Doina Matei non potrà più connettersi a internet con il suo cellulare come fatto in passato (237 le pagine di tabulati acquisiti dalla polizia postale di Venezia).

La condotta della donna, che i giudici definiscono "leggera, ai confini della sconsideratezza", non le impedirà di riprendere il programma di semilibertà. Sul lavoro, continuano le toghe del tribunale di sorveglianza di Venezia, la ragazza è stata sempre puntuale. E i permessi sono stati utilizzati solo per rinsaldare i rapporti con la famiglia. I magistrati, allora, hanno deciso di non interrompere quello che nelle dieci pagine di sentenza definiscono un "work in progress". "La proposta di revoca della semilibertà deve essere disattesa"
 e presto sarà stabilito un nuovo programma per Doina Matei.

"Questa decisione ribadisce un importante principio costituzionale - spiega l'avvocato Nino Marazzita, legale della romena - perché il recupero del condannato è e deve continuare a essere uno dei fondamenti della nostra civiltà giuridica. Nel contempo è stata sconfitta la parte più rozza d'Italia, quella che vorrebbe proiettare il paese nel Medioevo".

roma.repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

6 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

7 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

8 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

9 Detenuto tunisino accusa dieci Agenti penitenziari di lesioni a San Vittore. E'' in carcere per tentato omicidio e accusò altri Agenti di Velletri

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Esuberi personale di Polizia Penitenziaria, dubbi sulla gestione del DAP. Interrogazione parlamentare di Maurizio Gasparri

2 Carceri, mille leggi per un solo risultato: torna il sovraffollamento

3 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

4 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

7 E'' meglio scegliere a chi dare la colpa che cercare le cause del disastro penitenziario

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?