Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Dorina Matei torna semilibera? La Procura di Venezia: foto su Facebook non danneggiano la rieducazione

Polizia Penitenziaria - Dorina Matei torna semilibera? La Procura di Venezia: foto su Facebook non danneggiano la rieducazione


Notizia del 03/05/2016 - VENEZIA
Letto (1697 volte)
 Stampa questo articolo


Le foto su Facebook, quei sorrisi esibiti sul social network “non sono un vulnus al processo di rieducazione”. E’ con questa motivazione che la Procura Generale di Venezia ha dato il suo nulla osta al ripristino della semilibertà per Doina Matei, a condizione che non utilizzi in alcun modo i social network. La donna, di origini rumene, era stata condannata a 16 anni di detenzione per aver ucciso, quasi 10 anni fa, la ventitreenne Vanessa Russo con la punta di un ombrello, nella stazione Anagnina di Roma.

Il tribunale di sorveglianza di Venezia si è riservato di decidere sulla richiesta. Nel caso in cui si pronunci favorevolmente, di giorno Matei potrà tornare a lavorare fuori dal carcere. Da un anno a questa parte, infatti, la donna lavora in una pizzeria come cameriera.

Presente in aula, l’imputata ha sostenuto di aver aperto il profilo Facebook per comunicare con il figlio di 10 anni in Romania con il permesso del tribunale di sorveglianza. “Ho capito di aver compiuto una leggerezza – ha ammesso Matei, detenuta nel carcere della Giudecca, nel corso dell’udienza a porte chiuse – non pensavo che per una foto pubblicata su un giornale scoppiasse tutto questo scandalo. Chiedo scusa a tutti, anche alla famiglia di Vanessa Russo, so che non mi perdonerà mai ma la mia è un’espiazione interiore”.

Lo scorso 12 aprile le foto pubblicate su Facebook, che la ritraevano in bikini, sorridente e con le dita in segno di vittoria, le erano costate la revoca della semilibertà. “Ci vorrebbe la pena di morte”, si era sfogato il padre di Vanessa, Giuseppe Russo.

ilfattoquotidiano.it

Posta foto su Facebook, killer dell’ombrello Doina Matei perde la semilibertà e torna in cella

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE VENETO
Statistiche carceri Regione Veneto







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime

10 Droga nelle parti intime per il compagno detenuto: scoperta ed arrestata dalla polizia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

7 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Ma chi siamo?

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia