Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Dozza, è ancora emergenza:troppi detenuti e pochi posti

Polizia Penitenziaria - Dozza, è ancora emergenza:troppi detenuti e pochi posti


Notizia del 07/06/2013 - BOLOGNA
Letto (1785 volte)
 Stampa questo articolo


Dopo i ridimensionamenti post-terremoto torna il problema del sovraffollamento in carcere: il limite di tollerabilità di 882 detenuti è stato superato arrivando a quota 929. E L'arrivo dell'estate peggiorerà la situazione

Torna a crescere, riportando il sovraffollamento a livelli insostenibili, il numero di detenuti rinchiusi alla Dozza. Gli "sfollamenti" periodici pianificati dopo il terremoto, per alleggerire le presenze, sono finiti. A fronte di una capienza teorica di 483 persone - con il limite "tollerabile" di 882 - è stata sfondata quota 900, superata abbondantemente: i detenuti sono 860, le detenute 69. E l’estate - è il timore di sindacalisti, operatori e persone in cella - porterà inevitabilmente all’appesantimento delle condizioni di vita.

L’acqua è già un problema. Quella calda va e viene. Si fanno docce fredde sia nei reparti sia negli alloggi della Polizia Penitenziaria, perennemente sotto organico. La nuova caldaia, installata, non è ancora stata collaudata e non è operativa. Non solo. L’aumento dei consumi ai piani bassi, per lavarsi e per tenere in fresco frutta e verdura, provoca un abbassamento di pressione ai piani alti. Per garantire a tutti l’erogazione si dovrà fare come negli scorsi: ridurre il getto in alcune sezioni, per permettere l’arrivo dell’acqua nelle altre. Questioni quotidiane. E scelte romane che pesano. I già risicati fondi per pagare i detenuti che svolgono lavori

 

interni, garantendo che il carcere funzioni, sono stati tagliati ulteriormente: da 620mila a 500mila euro. Così, ad esempio, non vengono più pagati i detenuti "piantoni", quelli che assistono i compagni di detenzione con problemi di salute e di deambulazione. Vengono utilizzati "volontari" non retribuiti, "con tutto ciò che questo comporta - fanno notare dalla stessa Dozza - anche in termini di equilibri interni e di rapporti di potere". E ancora non è stato individuato un direttore fisso. La direttrice ad interim che regge l’istituto, Claudia Clementi, è ancora costretta a pendolare tra la Dozza e il carcere di Pesaro. "Le è stato prorogato l’incarico di tre mesi - spiegano dal suo staff - poi nessuno sa che cosa succederà".

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”