Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Droga e telefono nella mortadella consegnata in carcere: condannato un detenuto

Polizia Penitenziaria - Droga e telefono nella mortadella consegnata in carcere: condannato un detenuto


Notizia del 27/10/2015 - BERGAMO
Letto (1410 volte)
 Stampa questo articolo


Con l'aiuto della sua fidanzata, il 24 gennaio scorso si era fatto portare nella casa circondariale di via Gleno, dove stava scontando una condanna per furto, un pacco contenente due mortadelle intere, con lo stemma delle macellerie islamiche, destinate ad un compagno di detenzione, un immigrato marocchino di 30 anni. Durante i controlli, però, un poliziotto penitenziario aveva scoperto che i salumi contenevano nell'impasto 3 panetti di hashish, per un peso totale di circa 50 grammi, e un telefonino cellulare, con tanto di batteria e scheda telefonica.

Per questo episodio il gup Alberto Viti, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato (sconto di un terzo sulla pena finale), ha condannato a 3 anni di reclusione un bergamasco di 35 anni, con precedenti per rapina e furto, per introduzione di sostanze stupefacenti in carcere. Il giudice ha invece assolto la sua ragazza, 25 anni, residente in un comune dell'hinterland, credendo alla sua versione dei fatti: "È vero, ho portato il pacco in prigione, ma l'ho ricevuto da un uomo all'esterno della casa circondariale e non sapevo cosa contenesse. Ho fatto un favore al mio compagno".

L'immigrato marocchino, che nel frattempo è stato espulso dall'Italia su ordine del questore, è stato assolto, come indicato dalle disposizioni sulle norme dell'immigrazione: l'articolo 13, infatti, prevede il "non luogo a procedere" per l'imputato, se non è stato ancora emesso il decreto di rinvio a giudizio. Davanti al giudice dell'udienza preliminare, il 35enne si è difeso sostenendo che non sapeva che le mortadelle contenessero la droga.

"Il marocchino - ha detto - mi ha chiesto se, attraverso la mia fidanzata, potevo fargli recapitare un pacco. Come faccio?, gli ho domandato. Per tutta risposta ha preso un cellulare che teneva in una tasca dei pantaloni, me lo ha dato e mi ha chiesto di contattarla e di riferirle che poco prima di entrare a farmi visita si sarebbe incontrato, fuori dal carcere di via Gleno, con un uomo che le avrebbe consegnato il pacco. E così ho fatto". Circostanza che è stata confermata dalla giovane. Il giudice, però, non ha ritenuto plausibile la versione dell'uomo, in quanto conosceva l'immigrato ed era a conoscenza dei suoi precedenti per droga.

Quindi poteva prevedere che dietro quella richiesta ci fosse qualcosa di poco chiaro. Con il suo comportamento, in sostanza, si è reso complice dell'immigrato, aiutandolo a introdurre la droga nella casa circondariale. Successive perquisizioni effettuate dalla Polizia Penitenziaria aveva permesso di scoprire nella cella del magrebino altre due mortadelle, questa volta senza droga all'interno, ma con lo stesso marchio delle macellerie islamiche.

Il Giorno

 

Hashish e telefonino nascosto nella mortadella

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

4 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

9 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Il ''malvezzo'' lo rispediamo al mittente