Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Droga e telefono nella mortadella consegnata in carcere: condannato un detenuto

Polizia Penitenziaria - Droga e telefono nella mortadella consegnata in carcere: condannato un detenuto


Notizia del 27/10/2015 - BERGAMO
Letto (1589 volte)
 Stampa questo articolo


Con l'aiuto della sua fidanzata, il 24 gennaio scorso si era fatto portare nella casa circondariale di via Gleno, dove stava scontando una condanna per furto, un pacco contenente due mortadelle intere, con lo stemma delle macellerie islamiche, destinate ad un compagno di detenzione, un immigrato marocchino di 30 anni. Durante i controlli, però, un poliziotto penitenziario aveva scoperto che i salumi contenevano nell'impasto 3 panetti di hashish, per un peso totale di circa 50 grammi, e un telefonino cellulare, con tanto di batteria e scheda telefonica.

Per questo episodio il gup Alberto Viti, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato (sconto di un terzo sulla pena finale), ha condannato a 3 anni di reclusione un bergamasco di 35 anni, con precedenti per rapina e furto, per introduzione di sostanze stupefacenti in carcere. Il giudice ha invece assolto la sua ragazza, 25 anni, residente in un comune dell'hinterland, credendo alla sua versione dei fatti: "È vero, ho portato il pacco in prigione, ma l'ho ricevuto da un uomo all'esterno della casa circondariale e non sapevo cosa contenesse. Ho fatto un favore al mio compagno".

L'immigrato marocchino, che nel frattempo è stato espulso dall'Italia su ordine del questore, è stato assolto, come indicato dalle disposizioni sulle norme dell'immigrazione: l'articolo 13, infatti, prevede il "non luogo a procedere" per l'imputato, se non è stato ancora emesso il decreto di rinvio a giudizio. Davanti al giudice dell'udienza preliminare, il 35enne si è difeso sostenendo che non sapeva che le mortadelle contenessero la droga.

"Il marocchino - ha detto - mi ha chiesto se, attraverso la mia fidanzata, potevo fargli recapitare un pacco. Come faccio?, gli ho domandato. Per tutta risposta ha preso un cellulare che teneva in una tasca dei pantaloni, me lo ha dato e mi ha chiesto di contattarla e di riferirle che poco prima di entrare a farmi visita si sarebbe incontrato, fuori dal carcere di via Gleno, con un uomo che le avrebbe consegnato il pacco. E così ho fatto". Circostanza che è stata confermata dalla giovane. Il giudice, però, non ha ritenuto plausibile la versione dell'uomo, in quanto conosceva l'immigrato ed era a conoscenza dei suoi precedenti per droga.

Quindi poteva prevedere che dietro quella richiesta ci fosse qualcosa di poco chiaro. Con il suo comportamento, in sostanza, si è reso complice dell'immigrato, aiutandolo a introdurre la droga nella casa circondariale. Successive perquisizioni effettuate dalla Polizia Penitenziaria aveva permesso di scoprire nella cella del magrebino altre due mortadelle, questa volta senza droga all'interno, ma con lo stesso marchio delle macellerie islamiche.

Il Giorno

 

Hashish e telefonino nascosto nella mortadella

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri, salta la riforma: primo atto del nuovo Governo

3 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

4 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Giunge gradito … graditissimo il saluto del Ministro Orlando

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

9 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane

10 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela