Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Droga in carcere dentro le scarpe, ma la Polizia Penitenziaria di Lecce la scopre

Polizia Penitenziaria - Droga in carcere dentro le scarpe, ma la Polizia Penitenziaria di Lecce la scopre


Notizia del 10/06/2012 - LECCE
Letto (1850 volte)
 Stampa questo articolo


Lo stratagemma per introdurre l’hashish in carcere era davvero ingegnoso. Ma la contromossa degli agenti penitenziari si è rivelata altrettanto scaltra ed ha permesso di smascherare un detenuto di Molfetta su cui da tempo si erano addensati alcuni sospetti. 

In manette è finito così Angelo Squeo, di 32 anni, che aveva scelto un paio di scarpe da tennis per farsi recapitare in cella un etto di hashish, sperando di farla franca in caso di controlli. Il gioco, però, non è riuscito. 

I movimenti del detenuto erano da qualche tempo seguiti dagli agenti penitenziari, che avevano notato alcune situazioni poco chiare. E’ scattata quindi una lunga attività investigativa programmata con lo scopo di prevenire i fenomeni illegali all’interno della Casa circondariale. 

L’attenta osservazione è andata avanti per qualche tempo, il detenuto è stato tenuto sotto controllo e così pure quanto gli accadeva intorno. Il tutto, fino a quando non è stato recapitato al recluso, da parte di un familiare, un pacco-sorpresa: una confezione di scarpe da tennis per trascorrere più «comodamente» il soggiorno a Borgo San Nicola. Un dono apparentemente innocente, ma che si è rivelato ben presto più interessante dell’uso ordinario che si voleva far sospettare. La sostanza stupefacente, suddivisa in quattro panetti, era stata abilmente occultata all’intero delle scarpe, creando, nella parte interna di entrambe le suole, un incavo profondo quasi due centimetri, dell’ampiezza di dieci centimetri per tre. Il solco, perfettamente riempito, era poi stato coperto dalla suola interna in gomma, a sua volta accuratamente incollata allo scopo di impedire ogni eventuale controllo. Ma l’espediente, si diceva, non è stato sufficiente a confondere l’operatore di Polizia Penitenziaria addetto alla perquisizione degli effetti personali che erano pervenuti al detenuto da parte del familiare. Inevitabile, a questo punto, l’ulteriore provvedimento restrittivo a carico di Angelo Squeo. 

Il giovane, di Molfetta, si trova nell’istituto penitenziario per scontare una pena detentiva legata ad alcuni reati comuni. Da tempo, tuttavia, era tenuto d’occhio dai «Baschi blu» di Borgo San Nicola, i quali avevano predisposto un apposito servizio (proprio di recente, gli stessi agenti avevano bloccato altri tentativi di introdurre droga in carcere). Dell’arresto è stata poi informato il sostituto procuratore della Repubblica Giovanni Palma.

www.lagazzettadelmezzogiorno.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Una procura massonica guidata all''epoca da Giovanni Tinebra: lo sfogo di Fiammetta Borsellino

2 Ispettore della Polizia Penitenziaria disarma migrante che minacciava i passanti nella stazione di Napoli

3 Ecco come Carabinieri e Polizia Penitenziaria hanno riacciuffato i tre evasi dal carcere di Barcellona PG

4 Detenuti protestano in nome di Allah: frattura al braccio per un Agente e altri Poliziotti penitenziari feriti nel carcere di Verona

5 Centotrentaseiesimo arresto di un Agente Penitenziario libero dal servizio: in dieci anni recuperata refurtiva per 70mila euro

6 Tragedia sfiorata: Poliziotto penitenziario trasferito in ospedale in codice rosso. Ferito in una rissa tra detenuti nel carcere di Porto Azzurro

7 Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

8 Uccise anche il Generale Dalla Chiesa: ora Antonino Madonia vuole lo sconto di pena per trattamento inumano in carcere e la Cassazione la ritiene una legittima richiesta

9 Nostro fratello Mormile ucciso dall''accordo tra DAP e servizi segreti: testimone di colloqui tra Stato e boss mafiosi nel carcere di Parma

10 Cassazione conferma condanna ad ex Agente penitenziario: ricevette 500 euro in cambio di un telefonino ad un detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Riordino delle carriere: le tabelle e tutto quello che c’è da sapere

2 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta uno degli evasi di Barcellona P.G.

3 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria cattura Johnny lo Zingaro. Operazione "Il biondino"

4 Altro successo del NIC: presi tutti gli evasi di Barcellona PG

5 Tutti i Sindacati della Polizia Penitenziaria interrompono le relazioni con il DAP e chiedono incontro con il Ministro Andrea Orlando

6 Il malessere del Corpo in una lettera a un quotidiano di Alessandria

7 Il Nucleo Investigativo Centrale della Polizia Penitenziaria arresta i favoreggiatori dell''evasione di Rebibbia

8 Cattura di Johnny lo zingaro: Ministro Minniti si congratula con Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria. Il video dell''arresto

9 Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

10 Lettera aperta di Capece a Rita Bernardini