Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Due anni per evasione: processato il detenuto evaso da Pordenone che aveva colpito il Poliziotto penitenziaria della portineria

Polizia Penitenziaria - Due anni per evasione: processato il detenuto evaso da Pordenone che aveva colpito il Poliziotto penitenziaria della portineria


Notizia del 04/12/2014 - PORDENONE
Letto (1037 volte)
 Stampa questo articolo


Era evaso dal carcere di Pordenone, lo scorso 15 ottobre. Il giorno dopo era stato individuato e ricondotto in carcere. Quella notte, però l'uomo, tunisino di 28 anni, già rinchiuso per stupro, avrebbe violentato un'altra donna, abbandonandola a Scorzè, nel Veneziano, e raggiungendo Selvazzano a bordo dell'auto della giovane vittima.

IL PATTEGGIAMENTO. Il detenuto ha patteggiato mercoledì due anni di reclusione, davanti al tribunale di Pordenone, che lo ha giudicato per la sola evasione. Per questo reato, il tunisino si sarebbe scusato, dichiarandosi colpevole. Questo secondo i legali difensori dell'imputato. Di pertinenza della procura di Padova, invece, il fascicolo per il sequestro di persona e l'accusa di violenza sessuale.

I PRECEDENTI. L'uomo era stato arrestato dopo che il 14 febbraio scorso aveva rapinato, sequestrato e tentato di violentare un'infermiera in via San Massimo a Padova. In seguito, gli erano stati attribuiti altri due episodi di violenza ai danni di due prostitute. Rinchiuso nel carcere di Pordenone, ne era fuggito mettendo fuori gioco un agente addetto all'apertura porte con un colpo alla nuca. Nella notte, avrebbe commesso l'ennesimo stupro. Infine, il ritrovamento da parte degli agenti della polizia stradale a Selvazzano.

padovaoggi.it

Catturato l’evaso da Pordenone, nel frattempo ha violentato un’altra donna

 

Detenuto evade dal carcere di Pordenone: colpisce il Poliziotto della portineria e scappa

STATISTICHE CARCERI REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA
Statistiche carceri Regione Friuli-Venezia Giulia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

5 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

8 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

9 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni

10 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 La morte di Stefano Cucchi: la disinformazione continua