Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Due Assistenti Capo corrotti e arrestati: telefonini ai detenuti per dare ordini dal carcere

Polizia Penitenziaria - Due Assistenti Capo corrotti e arrestati: telefonini ai detenuti per dare ordini dal carcere


Notizia del 23/10/2013 - NAPOLI
Letto (5640 volte)
 Stampa questo articolo


Davano ordini dal carcere attraverso telefonini forniti da due Assistenti Capo della Polizia Penitenziaria corrotti.

Clan Cesarano, sono 17 le ordinanze di misure cautelari emesse dalla Procura di Napoli nei confronti di presunti affiliati. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri a Pompei, Castellammare, Scafati, Torre del Greco ed Acerra. Le indagini sono iniziate dopo l’omicidio di Carmine D’Antuono e Federico Donnarumma, avvenuto a Gragnano nel 2008.

La Direzione distrettuale antimafia a seguito dell’inchiesta avviata ha verificato che il clan Cesarano, capeggiato da Federico Cesarano, evaso dall’aula bunker di Salerno nel 2008 e arrestato nel 2000, è ancora operante tra Castellammare e Pompei. La Dda ha tratteggiato il nuovo organigramma del sodalizio camorrista, come avviene la spartizione dei guadagni da traffici illeciti e quali sono le attività illegali gestite.

Nel corso delle indagini ha ricostruito un tentativo di estorsione, per l’importo di 50mila euro, ai danni di un floricoltore di Pompei e scoperto armi usate dal clan. Gli inquirenti hanno inoltre dimostrato che anche dal carcere i boss comandavano attraverso pizzini trasmessi all’esterno: in una di queste uno dei camorristi ribadiva che bisognava spargere il terrore sul territorio, instaurare il clima di paura, omertà e assoggettamento al clan. I detenuti di spicco del sodalizio comunicavano anche attraverso telefonini introdotti nei penitenziari con la complicità di due agenti penitenziari corrotti. Al termine dell’indagine il giudice per le indagini preliminari ha emesso 16 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 2 (gli agenti penitenziari) ai domiciliari.

ilgiornalelocale.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

7 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Ma chi siamo?

10 Il Castello è una macchina che funziona alla perfezione: se non fosse per quei granelli di sabbia