Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Due Poliziotti penitenziari di Imperia condannati con 500 euro di ammenda per l’’evasione del detenuto tunisino nel 2009

Polizia Penitenziaria - Due Poliziotti penitenziari di Imperia condannati con 500 euro di ammenda per l’’evasione del detenuto tunisino nel 2009


Notizia del 25/05/2015 - IMPERIA
Letto (1234 volte)
 Stampa questo articolo


Cinquecento euro di ammenda, con sospensione condizionale della pena, con l’accusa di evasione colposa. Si è chiuso così il processo a carico di Elia Leonardo, oggi in pensione, e Felice Serafino, tuttora in servizio, i due agenti della Polizia Penitenziaria di Imperia accusati della fuga dal penitenziario del capoluogo, avvenuta nel luglio del 2009, del tunisino Farah Ben Faical Trabelsi. La difesa aveva chiesto l’assoluzione perché il fatto non sussiste. Il PM, invece, aveva chiesto 4 mesi di reclusione.

La posizione di Trabelsi, lo ricordiamo, è stata invece stralciata nel corso del dibattimento in quanto l’uomo risulta irreperibile ormai da tempo. Sono state attivate le ricerche e, in attesa del possibile ritrovamento, il giudice, dott.ssa Anerdi ha fissato un’udienza per il 24 aprile 2016.

LA RICOSTRUZIONE DELLA FUGA

Il detenuto Trabelsi venne arrestato nel 2008 per un cumulo di pene. Venne tradotto presso il carcere di La Spezia per traffico di stupefacenti. Condannato a 10 anni di carcere, venne poi trasferito a Imperia, con fine pena 2025. Il carcere di Imperia venne però considerato incompatibile in relazione alla pena e alla tipologia di reato, per cui venne disposto il trasferimento di Trabelsi in altra sede.

Il trasferimento era previsto per il 7 luglio, ma Trabelsi tentò il suicidio, per cui il comandante della Polizia Penitenziaria decise di posticipare il trasferimento, senza però adottare particolari cautele. Proprio il 7 luglio 16 detenuti, intorno alle 13.15, accedettero al campetto del penitenziario e vennero registrati dall’agente incaricato. Tra loro c’era anche Trabelsi. Nei giorni in questione erano in corso lavori di ristrutturazione dell’alloggio del comandante per cui alcuni sistemi di allarme furono tacitati..

Successivamente Trabelsi riuscì a evadere, ma al ritorno in cella nessuno si accorse di nulla, probabilmente perché l’agente incaricato non effettuò la conta dei detenuti. Ad accorgersi della mancanza di Trabelsi poteva essere l’agente incaricato al controllo delle celle, ma all’uscita non si preoccupò dell’assenza del tunisino in quanto convinto dell’avvenuto trasferimento nel carcere di Marassi, in realtà posticipato per il tentato suicidio.

Gli agenti si accorgeranno della mancanza di Trabelsi intorno alle 22, quando viene chiamato in servizio, a causa di un malore accorso ad un detenuto, un agente assegnato al piano del tunisino evaso. L’allarme, però, non scatterà subito, ma solo dopo circa 2 ore, perché inizialmente la ricerca interessa l’interno del carcere, ipotizzando che Trabelsi si sia nascosto nel penitenziario in quanto l’agente Serafino sostiene di aver visto Trabelsi al rientro dal campetto e di averci parlato. Evaso dal carcere di Imperia Trabelsi ha chiesto un passaggio in macchina a un agente della Polizia Penitenziaria di Sanremo, sostenendo di aver litigato con la fidanzata. Sceso all’altezza di Arma di Taggia, ha fatto perdere le proprie tracce.

imperiapost.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LIGURIA
Statistiche carceri Regione Liguria







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna

10 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa