Maggio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Maggio 2018  
  Archivio riviste    
Ecco i due Agenti Penitenziari che salvarono un'anziana dall'aggressione di un cane

Polizia Penitenziaria - Ecco i due Agenti Penitenziari che salvarono un'anziana dall'aggressione di un cane


Notizia del 04/02/2014 - CUNEO
Letto (2719 volte)
 Stampa questo articolo


Sabato 1 febbraio nella sala della Resistenza del Palazzo comunale di Alba il Sindaco Maurizio Marello ha consegnato un attestato di riconoscenza a Gianluca Cenciotti e Francesca Eusebio i due assistenti di Polizia Penitenziaria in servizio alla Casa circondariale “Giuseppe Montalto” di Alba che il 3 dicembre 2013, “con altissimo senso civico, spiccate qualità professionali e non comune determinazione operativa, intervenivano in soccorso di un’anziana donna attaccata da un cane che l’aveva gettata inerme per terra e le aveva provocato gravissime lesioni. L’atto coraggioso era decisivo per salvare la vita della persona vittima dell’aggressione”.

Così il Sindaco Marello ha voluto ringraziare a nome della città i due agenti intervenuti prontamente in strada Croci, zona Moretta, mentre passando in auto hanno visto l’aggressione di un cane di razza corsa alla signora Rosanna Sandri mentre l’anziana stava andando a piedi dalla figlia.

Polizia Penitenziaria

"La signora attualmente è in ospedale e sta affrontando ancora le conseguenze dell’accaduto – ha spiegato il Sindaco Marello - Fortunatamente non è accaduto il peggio perché la signora ha trovato sulla sua strada i due agenti Gianluca Cenciotti e Francesca Eusebio, cittadini italiani esemplari che mettendo a rischio la loro incolumità hanno difeso la signora ed hanno fatto in modo che il cane mollasse la presa probabilmente fatale. In questa vicenda ci sono dei valori che è bene sottolineare.

Questa è la ragione per cui abbiamo voluto consegnare questo piccolo riconoscimento e lo facciamo anche con particolare compiacimento anche perché fate parte della Polizia Penitenziaria, di un organo che lavora in un settore delicato come quello delle carceri, che svolge un servizio che comporta dei rischi anche se all’interno del Carcere di Alba, grazie alla sensibilità e all’apertura della direzione ci sono dei percorsi educativi molto belli come la produzione del vino “Valelapena”, del miele “Dolce bottino” e tante altre iniziative. Abbiamo voluto questo momento di ringraziamento proprio per testimoniare questo evento.

Viviamo un momento in cui da un lato ci sono grandi esempi di solidarietà e di aiuto e dall’altro episodi di totale indifferenza soprattutto nelle grandi città. Sono sintomi di individualismo, egoismo presenti nella società di oggi. Quindi, è importante far sapere ai giovani, ai cittadini che ci sono persone disposte a rischiare la vita per aiutare qualcuno in difficoltà. E in questo caso l’aiuto è stato decisivo. E’ una testimonianza importante perché in un momento difficile come quello che sta attraversando il nostro paese siamo tutti chiamati a costruire una società più solidale. Questo è un primo compito che abbiamo. La crisi c’è. Solo con la solidarietà riusciamo a mantenere una società coesa affinché qualcuno non resti indietro.

Con questo atto, il messaggio che date a tutti quanti noi è quello che nell’aiuto al prossimo c’è l’umanità più vera e quindi vi ringrazio di cuore".

LA COMMOZIONE DI PREMIATI - "Non ci aspettavamo tanta gratitudine – ha dichiarato Francesca Eusebio visibilmente emozionata e con voce rotta – è un gesto che avrebbe fatto spero chiunque. Ringraziamo l’Amministrazione e i nostri colleghi che ci sono stati molto vicini nei giorni successivi all’evento. Ringraziamo anche Marina e Maurizio e la signora Rosanna che abbiamo sempre cercato di vedere e di sentire dopo il fatto. Grazie a tutti".

"Sono particolarmente commosso – ha detto Gianluca Cenciotti – Mi unisco ai ringraziamenti della collega e mi auguro che semplici gesti d’amore verso il prossimo vengano fatti anche da altre persone".

Alla cerimonia sono intervenuti anche il Comandante della Polizia Penitenziaria del Carcere albese Alessandro Catacchio e la figlia della signora Rosanna, Marina Sandri che ha ringraziato con grande emozione i due agenti. Presente anche il Direttore della Casa Circondariale “Giuseppe Montalto” Giuseppina Piscioneri.

puntocuneo.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE PIEMONTE
Statistiche carceri Regione Piemonte







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermercato in caserma, i Carabinieri ne Aprono uno per tutti i Militari di Firenze

2 Carceri, salta la riforma: primo atto del nuovo Governo

3 Carceri:Ariano Irpino,sequestrato agente

4 Noipa: nel cedolino di giugno al via gli incrementi stipendiali. Tutte le date degli accrediti

5 Carceri, SAPPE a Bonafede: “Ecco la situazione degli agenti penitenziari

6 Disordini Ariano Irpino: Bonafede, a chi lavora in carcere il sostegno concreto dello Stato

7 Accoltellamento a Trezzano, un poliziotto penitenziario salva la vita all’anziana aggredita

8 Rivolta in carcere ad Ariano Irpino, feriti due agenti della penitenziaria

9 Grand Hotel Poggioreale, cellulari e 100mila euro: la “stanza” d’oro di Genny ‘a carogna

10 Ariano Irpino:Si sono offerti in ostaggio per salvare i loro colleghi


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Salvate il Gruppo Operativo Mobile (e gli altri servizi della Polizia Penitenziaria)

2 Col Ministro Bonafede avrà finalmente fine il paradosso dei direttori che esercitano funzioni di polizia, tolte alla Polizia Penitenziaria?

3 Ma col Ministro Orlando c’era un progetto, a tavolino, per depotenziare la Polizia Penitenziaria?

4 Alcune considerazioni sull’esonero, per motivi sanitari, da alcuni posti di servizio

5 Giunge gradito … graditissimo il saluto del Ministro Orlando

6 Il Dap si riorganizza ... ma si dimentica sempre dell''Appuntato Caputo

7 Firenze Sollicciano: bubbole, fandonie e fanfaluche

8 L’elogio funebre di Nicolò Amato a Giuseppe Falcone

9 Aumenta la casistica dei reati perseguibili a querela

10 Il pericolo radicalizzazione nelle carceri italiane