Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Ecco le parole del detenuto maggiorenne della rivolta di Airola protagonista nel docufilm di Santoro al Festival di Venezia

Polizia Penitenziaria - Ecco le parole del detenuto maggiorenne della rivolta di Airola protagonista nel docufilm di Santoro al Festival di Venezia


Notizia del 09/09/2016 - BENEVENTO
Letto (7989 volte)
 Stampa questo articolo


E se vedi le guardie, spari addosso e scappi». Anche ora che il kalashnikov glielo hanno tolto di mano, Mariano A. il vizio del comando non l'ha perduto. Moro, un filo di barba, è già da tempo dietro le sbarre, a dispetto del suo sguardo ancora bambino. Michele Santoro ne ha fatto uno dei protagonisti del suo docufilm «Robinù», presentato al Festival di Venezia. Dando così voce e spazio ad uno dei capi della rivolta che qualche giorno fa ha portato alla devastazione di un'ala del carcere minorile di Airola.

La denuncia suona come atto d'accusa al giornalista-presentatore-regista e, più in generale, alla galassia dei radical chic. Quelli che la polizia è strumento di repressione e i giovani se sbagliano è colpa della società. «Il giovanissimo intervistato nel docufilm è uno dei protagonisti della rivolta di Airola. Poco scenico, forse, ma efficace. Come il ricordo dell'assalto patito dai suoi colleghi: agenti minacciati coi piedi dei tavoli e manici di scopa, altri feriti e una sezione dell'istituto devastata. Una ribellione che era scoppiata per la mancanza di sigarette allo spaccio, queste le motivazioni fornite dai rivoltosi. Una prova per accreditarsi con gli adulti e guadagnare gradi e galloni nelle gerarchie criminali dei gruppi di appartenenza, ritengono gli inquirenti.

Intanto, mentre i Poliziotti penitenziari si leccano le ferite, al Festival scorrono immagini e racconti del presunto baby killer cresciuto nel grembo di mamma camorra. Per i magistrati affiliato al clan di Ponticelli e per questo condannato ad una pena (non definitiva) a 16 anni di reclusione: avrebbe fatto parte della paranza di fuoco dei D'Amico, padroni di Napoli est. E nella guerra coi Vanella Grassi di Secondigliano avrebbe ammazzato un venticinquenne, Raffaele Canfora, provando poi a farne sparire il cadavere. 

«Abbiamo inteso aprire una finestra sul ruolo del carcere e su quello che esso rappresenta per questi ragazzi», ribatte a distanza sul Fattoquotidiano.it Maddalena Oliva, con Micaela Farrocco e lo stesso Santoro sceneggiatrice di «Robinù». «Il problema - aggiunge - non è solo un problema di pena, di sicurezza, di numero di agenti penitenziari. Piuttosto è interrogarsi su come i ragazzi impieghino il loro tempo, sui corsi che fanno. Un'analisi necessaria per farlo diventare soprattutto una questione di recupero».

Nell'attesa d'essere recuperato, Mariano A. impartisce lezioni di vita criminale sul grande schermo: «Le guardie? Se sei in moto non riescono a fermarti e comunque si bloccano già quando vedono u' kalash. Lo sanno che gli spariamo addosso. E pensano: per 1.500 euro devo rischiare la vita? E si fermano».

Poi c'è magari chi, per onore e dignità e senso della legge e dello Stato smemorato, non si ferma. E finisce all'ospedale o al cimitero. Mai al Festival del cinema.

ilgiornale.it

 

I Radicali italiani contro il Sappe: i detenuti minori vanno tutelati anche i giovani adulti

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE CAMPANIA
Statistiche carceri Regione Campania







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna