Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Ecco perché era in carcere l'evaso dopo l'assalto alla traduzione della Polizia Penitenziaria

Polizia Penitenziaria - Ecco perché era in carcere l'evaso dopo l'assalto alla traduzione della Polizia Penitenziaria


Notizia del 03/02/2014 - VARESE
Letto (2411 volte)
 Stampa questo articolo


Domenico Cutrì, l’uomo liberato durante un assalto a un furgone della Polizia Penitenziaria, è un giovane con un passato processuale tumultuoso e oscuro. È stato condannato all’ergastolo, pena confermata anche dalla Corte d’assise di Torino, per essere stato il presunto mandante dell’omicidio di Lukasz Kobrzeniecki, un polacco di 22 anni freddato a colpi di pistola a Trecate, in provincia di Novara.

Cutrì, secondo la tesi dell’accusa era al volante dell’auto da cui partirono gli spari che uccisero il giovane. Delitto passionale prima della condanna Il movente del delitto era stato la gelosia. Sarebbe infatti stato qualche apprezzamento di troppo verso una donna a spingere Cutrì alla vendetta verso la vittima. I giudici, in secondo grado, confermarono anche la pena per favoreggiamento a Luca Greco, secondo imputato del processo e titolare di un bar di Trecate.

Un processo tra intimidazioni e falsi alibi L’autore materiale dell’agguato, Manuel Martelli, scelse invece di essere giudicato con il rito abbreviato per ottenere lo sconto di pena. In primo grado se l’era cavata con una condanna a sedici anni e quattro mesi. La condanna all’ergastolo, severa e senza attenuanti, fu motivata anche per la condotta processuale di Cutrì che non confessò mai e, anzi, cercò di inquinare le prove creando un clima di intimidazione sui testimoni e, durante l’appello, facendo arrivare dalla Calabria una presunta ex amante per fornirgli un alibi, poi rivelatosi una montatura.

rainews.it

Assalto al furgone Penitenziaria: è morto uno degli assalitori, fratello dell'evaso 

 

Assalto armato al furgone della Polizia Penitenziaria: evaso un ergastolano

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

7 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

8 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Quanto il temporeggiatore arretra ...

3 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

4 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

5 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

6 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

7 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

8 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

9 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”

10 Esecuzione penale:come comportarsi quando si opera nei confronti di un minore