Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Emanata circolare per regolare l''applicazione del 41-bis: DAP, Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, insieme al Garante detenuti, dettano le regole

Polizia Penitenziaria - Emanata circolare per regolare l''applicazione del 41-bis: DAP, Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, insieme al Garante detenuti, dettano le regole


Notizia del 02/10/2017 - ROMA
Letto (4522 volte)
 Stampa questo articolo


Dieci norme per regolare la vita dei detenuti con il 41 bis e stabilire con precisione quali sono i loro diritti e i loro doveri. È il contenuto della circolare firmata a Palermo da Roberto Piscitiello, a capo della Direzione generale dei detenuti, da Santi Consolo, direttore del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, e condiviso con Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo. 

Il provvedimento sarà valido per tutti gli istituti di pena ed è nato proprio per rendere omogeneo il regime del 41 bis in tutti i carceri italiani. La circolare, infatti, arriva dopo 25 anni dall'introduzione del carcere duro per i mafiosi e i terroristi, regime sorto a seguito della strage di Capaci. Lo scopo, oltre a quello di regolamentare la vita carceraria, ha l'obiettivo di evitare lo sviluppo di posizioni di potere. I boss imprigionati, infatti, cercano di riproporre le gerarchie esterne anche all'interno delle prigioni o di lanciare messaggi ai loro affiliati. Varie indagini hanno permesso di scoprire come alcune operazioni criminali siano state organizzate proprio nelle carceri: i capimafia arrestati riuscivano a comunicare tramite frasi in codice poi riportate fuori dalla prigione dai parenti o amici che li visitavano".

In questo modo, inoltre, i firmatari della circolare hanno cercato di 'snellire' le attività dei tribunali che spesso si ritrovano a intervenire sulla detenzione di alcuni condannati per permettere o vietare ai boss in carcere di svolgere le attività proposte dagli istituti di pena.

Per questo motivo il 'decalogo' riguarda soprattutto i rapporti dei detenuti con l'esterno, in particolare i colloqui con i minori. Tra le altre regole c'è un aumento della riservatezza per i carcerati, il diritto ad avere libri e altro materiale per motivi di formazione e infine l'obbligo, per i direttori del carcere, di rispondere alle richieste dei condannati entro un tempo stabilito. Una possibilità per i detenuti di mantenere le relazioni con le famiglie, di 'riscattarsi' e di rinnegare ogni associazione criminale. 

"Si tratta - ha sottolineato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando - di un provvedimento frutto di un'interlocuzione con la procura Antimafia, il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e il Garante per i detenuti che dà omogeneità all'applicazione del 41 bis, evitandone ogni forma di arbitrio e di misure impropriamente afflittive. Bisogna, infatti, sempre ricordare che le restrizioni inflitte dal 41 bis non sono una pena aggiuntiva, ma uno strumento teso a isolare i boss, separandoli dal resto dell'organizzazione e riducendone così il potere criminale. Dopo venticinque anni era tempo di dare un assetto definitivo a questa importante leva nel contrasto alla criminalità organizzata, inquadrandola però in modo più chiaro nella cornice dello stato di diritto. Lo Stato è tenuto a rispettare le regole anche quando è chiamato a contrastare i suoi peggiori nemici".

repubblica.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia