Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Emergenza carceri in Svizzera? Neanche l'ombra perché i detenuti zappano la terra

Polizia Penitenziaria - Emergenza carceri in Svizzera? Neanche l'ombra perché i detenuti zappano la terra


Notizia del 29/01/2014 - ESTERO
Letto (4546 volte)
 Stampa questo articolo


Carceri affollate? In Svizzera hanno un rimedio: mandano i detenuti a zappare la terra. «È peggio che stare in cella», dicono i diretti interessati, ma il sistema riservato ai giovani funziona. I ragazzi, dopo il primo sconforto per il lavoro duro, si appassionano al mestiere del contadino.

Se vogliono, possono rifiutarsi di andare in fattoria, ma quasi tutti accettano, all'inizio per stare all'aria aperta e per la promessa di un forte sconto sulla pena. Dopo, magari restano in campagna. Gli agricoltori mancano nella Confederazione elvetica, e sono pagati bene.
 
A Kalchrain, nel Cantone di Thurgau, la giornata dei detenuti comincia all'alba, nelle stalle, e finisce con il calar del sole. I giovani hanno commesso anche reati gravi, rapine, lesioni, stupri, spaccio di droga, e gli psicologi del tribunale li hanno spesso giudicati «difficilmente recuperabili». L'idea della fattoria-prigione all'inizio ha trovato qualche difficoltà, i sociologi e i giudici avevano dei dubbi, scrive la Neue Zürcher Zeitung. Sembrava un'idea buonista. «Ma i ragazzi fanno un'esperienza inattesa, dice il direttore del centro di rieducazione, Armin Malär, e si cerca di venire incontro ai desideri individuali. C'è chi ama gli animali, altri vogliono dedicarsi al giardinaggio o vengono impiegati come maniscalchi. In una fattoria bisogna svolgere tutti i mestieri».
 
Qualcosa che piaccia si trova sempre. E si lavora sempre duramente. Kalchrain non ha l'aspetto d'una prigione, a parte le sbarre alle finestre nelle camere. Ma i detenuti poi si muovono in piena libertà nei campi, non ci sono recinzioni, né filo spinato, le guardie sono discrete. Il controllo è ridotto al minimo. Evadere è facile, e inutile. Si spreca soltanto la chance della riabilitazione. Finora non ci sono state fughe. I giovani sono ammessi nella fattoria di rieducazione dopo tre mesi di colloqui in un carcere normale. Quelli prescelti sono motivati.
 
Dopo la giornata sui campi, si seguono corsi con psicologi e sociologi, per preparare i detenuti al ritorno in libertà. «Il soggiorno in campagna è sul serio più duro che in una normale cella», dice la psicologa Monika Egli, «le nostre prigioni non saranno un albergo a tre stelle, ma sono tra le migliori d'Europa. Qui il lavoro è intenso, e bisogna pensare che quasi tutti i nostri ospiti non hanno mai svolto un'attività regolare prima di venire condannati».
 
Perché tenere in galera, condannati che dimostrano di voler cambiar vita? E mandarli a zappare la terra serve anche a svuotare le carceri. Sono troppo affollate, anche se la situazione non è paragonabile a quella italiana. Su una popolazione di 8 milioni, i detenuti sono poco oltre 6 mila, all'80% stranieri. Le prigioni sono occupate al 90%, però, in certe zone si registra un sovraffollamento, con detenuti costretti a dormire su un materasso steso sul pavimento. A Champ-Dollon presso Ginevra i detenuti sono circa 500 mentre nelle celle c'è posto per la metà. Da vent'anni non sono stati costruiti nuovi penitenziari, mentre anche nella Confederazione è aumentata la delinquenza giovanile.
 
Italiaoggi
STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna