Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Encomio a detenuto che ha aiutato i Poliziotti durante una traduzione e non è evaso

Polizia Penitenziaria - Encomio a detenuto che ha aiutato i Poliziotti durante una traduzione e non è evaso


Notizia del 13/04/2014 - POTENZA
Letto (6498 volte)
 Stampa questo articolo


Encomio a Carmine Campanella, il detenuto ad alta sicurezza (As1), leggermente ferito alla testa nel ribaltamento del blindato della Polizia Penitenziaria che lo traduceva in Basilicata, a Potenza, accompagnato da 5 agenti di scorta.

Nonostante le armi a terra e la drammaticità del momento, il mezzo si è ribaltato più volte a pochi metri da un viadotto, l’uomo ha tenuto una condotta ammirevole benché potesse sfruttare la situazione a suo vantaggio, conoscendo persino il luogo in cui è avvenuto l’incidente stradale, nei pressi di Melfi, località Rionero in Vulture. Campanella non ne ha approfittato! A conferirgli il riconoscimento è Francesco Cascini, Vice capo del Dipartimento Amministrazione penitenziaria (Dap), intervenuto ieri al convegno di criminologia 31.12.9999 Fine Pena Mai!? svolto nel carcere di Sulmona, diretto da Luisa Pesante. “Si è comportato molto bene, ha avuto un grande senso di umanità rispetto ai nostri colleghi che erano rimasti feriti _ dichiara il direttore al pubblico che affollava la sala polivalente della Casa di Reclusione _ Tra l’altro, quando è rientrato dall’istituto di Melfi gli ho chiesto, ovviamente se voleva sentire, con una telefonata straordinaria, i suoi familiari e lui non ha approfittato di questa mia richiesta e mi ha detto che li aveva già sentiti e aveva già fatto la telefonata straordinaria da Melfi e si è subito interessato di sapere come stavano i poliziotti che lo stavano accompagnando e che aveva lasciato feriti e sanguinanti”.

Il Vice del Dap, Cascini legge le motivazioni del riconoscimento al detenuto di Alta sicurezza: “ Campanella ha avuto un comportamento esemplare nell’incidente occorso al mezzo che lo conduceva in traduzione il 24 Marzo 2014 dov’è rimasto ferito unitamente al personale della scorta. Si è condotto con lealtà là dove il mezzo era stato ribaltato, le armi del personale di scorta erano in terra e l’incidente è avvenuto in zona ben conosciuta al detenuto in quanto suo luogo d’origine. Campanella ha osservato tutte le indicazioni del personale di polizia e si è adoperato per i soccorsi in un contesto di rispetto per il prossimo che denota un forte senso di responsabilità e maturità, nonché una riacquisita sensibilità ai più alti valori della collettività senza alcuna distinzione di appartenenza sociale. Il comportamento tenuto da Campanella acquista ancora più valore se si considera che lo stesso ha ricevuto la notifica di un provvedimento di custodia cautelare, un mese prima dell’incidente, che ha comportato un aggravamento della sua posizione giuridica che lo vede già condannato con un fine pena lontano”.

Il vice capo del Dap consegna l’encomio e aggiunge: “Come amministrazione invitiamo i nostri operatori, direttori delle carceri, a creare le condizioni perché le persone possano dimostrare, i detenuti possano dimostrare che possiamo avere fiducia in loro. E’ bellissimo questo comportamento, ma noi queste condizioni, per dimostrare che la nostra fiducia se la meritano e possono cambiare, gliele dobbiamo offrire all’interno. Quindi chiedo che occasioni come queste vengano date perché questo evento dimostra che possono meritare la nostra fiducia e possono cambiare”.

quiquotidiano.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE BASILICATA
Statistiche carceri Regione Basilicata







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?