Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo

Polizia Penitenziaria - Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


Notizia del 15/06/2017 - PISA
Letto (3725 volte)
 Stampa questo articolo


Rapine e pistole. Gli spari sono la colonna sonora della vita di Simone Bernardi, il 43enne di Aprilia, domiciliato a Pisa, ucciso da un gioielliere durante uno di quegli imprevisti che i banditi devono mettere in conto. Un domicilio che fino a marzo era forzato all’indirizzo del carcere Don Bosco dove l’uomo aveva scontato una condanna, con rito abbreviato, a 8 anni e 8 mesi per tentato omicidio, rapina e porto abusivo di armi. E proprio in carcere era apparso irreprensibile fino al punto di guadagnarsi un “posto” nella delegazione di detenuti che a Pasqua era stata ricevuta in Vaticano dal Papa.

LEGGI ANCHE: Parla l'orefice: "Ha sparato lui per primo, io ho risposto ai suoi colpi"

LA COSTANTE DELLE RAPINE

In primavera in Vaticano. Nel passato le rapine. Erano  tre i banditi che il 3 agosto 2010 presero d'assalto la filiale del Monte dei Paschi di Capalbio, nel Grossetano, e che poi spararono ai carabinieri che li avevano intercettati nella fuga. Pallottole contro i militari per garantirsi un’impunità di qualche ora. Nella banda c’era anche Bernardi. Separato, due figlie, non aveva un’occupazione ufficiale e i suoi precedenti sono scanditi da diverse condanne.

 

IL COLPO DA 60MILA EURO

Fare un colpo in una gioielleria con due commercianti che presumeva inermi non deve essergli sembrato troppo rischioso. Meno, comunque dell’agosto 2010 quando entrò in banca con il volto mascherato da passamontagna e armato di pistola. Un blitz da oltre 60mila euro. Coi due complici si era fatto consegnare da una dipendente le chiavi dell’auto, una Punto. Poi, tolti i cellulari a tutti, avevano rinchiuso in una stanza direttore, dipendente e clienti. I tre avevano incrociato i carabinieri di Porto Santo Stefano, a Santa Liberata.

L'auto dei militari aveva invertito la marcia e aveva seguito la Rover e l’aveva fermata. Dall'auto erano scesi i tre banditi e avevano iniziato a sparare ad altezza d'uomo. Pallottole contro i carabinieri. Poi la fuga e l’arresto in serata. In carcere a Pisa Bernardi non si era isolato e non dava problemi. Come spesso accade per chi vuole riempire le giornate di contenuti aveva aderito a varie attività di socializzazione. Una rieducazione apparente. Smentita a tre mesi dalla riconquistata libertà.

iltirreno.gelocal.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 Poliziotto penitenziario blocca rapinatore: aveva appena rubato uno zainetto ad un vigilantes

3 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

4 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

5 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

6 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

7 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

8 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga

9 Due detenuti non rientrano dai permessi nel carcere minorile di Torino

10 Como, il restyling del carcere austriaco abbandonato dopo il trasloco al Bassone


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Michele Gaglione: Agente di Polizia Penitenziaria, ucciso dalla camorra il 7 agosto 1992

2 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

3 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

4 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

5 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

6 Noi, vittime della Torreggiani

7 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

8 Come ci è stato scippato l’Ente Orfani trasformato in Ente di Assistenza di tutti, gestito da pochi

9 L’estate del detenuto

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!