Giugno 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Giugno 2017  
  Archivio riviste    
Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo

Polizia Penitenziaria - Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


Notizia del 15/06/2017 - PISA
Letto (3600 volte)
 Stampa questo articolo


Rapine e pistole. Gli spari sono la colonna sonora della vita di Simone Bernardi, il 43enne di Aprilia, domiciliato a Pisa, ucciso da un gioielliere durante uno di quegli imprevisti che i banditi devono mettere in conto. Un domicilio che fino a marzo era forzato all’indirizzo del carcere Don Bosco dove l’uomo aveva scontato una condanna, con rito abbreviato, a 8 anni e 8 mesi per tentato omicidio, rapina e porto abusivo di armi. E proprio in carcere era apparso irreprensibile fino al punto di guadagnarsi un “posto” nella delegazione di detenuti che a Pasqua era stata ricevuta in Vaticano dal Papa.

LEGGI ANCHE: Parla l'orefice: "Ha sparato lui per primo, io ho risposto ai suoi colpi"

LA COSTANTE DELLE RAPINE

In primavera in Vaticano. Nel passato le rapine. Erano  tre i banditi che il 3 agosto 2010 presero d'assalto la filiale del Monte dei Paschi di Capalbio, nel Grossetano, e che poi spararono ai carabinieri che li avevano intercettati nella fuga. Pallottole contro i militari per garantirsi un’impunità di qualche ora. Nella banda c’era anche Bernardi. Separato, due figlie, non aveva un’occupazione ufficiale e i suoi precedenti sono scanditi da diverse condanne.

 

IL COLPO DA 60MILA EURO

Fare un colpo in una gioielleria con due commercianti che presumeva inermi non deve essergli sembrato troppo rischioso. Meno, comunque dell’agosto 2010 quando entrò in banca con il volto mascherato da passamontagna e armato di pistola. Un blitz da oltre 60mila euro. Coi due complici si era fatto consegnare da una dipendente le chiavi dell’auto, una Punto. Poi, tolti i cellulari a tutti, avevano rinchiuso in una stanza direttore, dipendente e clienti. I tre avevano incrociato i carabinieri di Porto Santo Stefano, a Santa Liberata.

L'auto dei militari aveva invertito la marcia e aveva seguito la Rover e l’aveva fermata. Dall'auto erano scesi i tre banditi e avevano iniziato a sparare ad altezza d'uomo. Pallottole contro i carabinieri. Poi la fuga e l’arresto in serata. In carcere a Pisa Bernardi non si era isolato e non dava problemi. Come spesso accade per chi vuole riempire le giornate di contenuti aveva aderito a varie attività di socializzazione. Una rieducazione apparente. Smentita a tre mesi dalla riconquistata libertà.

iltirreno.gelocal.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Riparte il Concorso Allievi Agenti di Polizia Penitenziaria 100 donne e 300 uomini

2 Si incendia furgone della Polizia Penitenziaria: salvi ma intossicati gli Agenti e il detenuto

3 Serve sangue per la figlia di un collega: coinvolta in un incidente a Cosenza è in coma

4 Imboscata ad Agente penitenziario: c''è un problema in bagno e quando arriva i detenuti lo aggrediscono

5 DAP avvia procedimento disciplinare ai sindacalisti che contestarono il sistema premiale che ha permesso la liberazione anticipata dell''omicida Igor il russo

6 Ruba il borsello ad un poliziotto penitenziario in pizzeria, lo nasconde in auto e poi torna a mangiare. Scoperto e arrestato

7 Detenuto cerca di accoltellare Poliziotto penitenziario nel carcere di Novara: Agente schiva il colpo ma rimane ferito al braccio

8 Detenuti magrebini in sorveglianza dinamica aggrediscono con lamette gli Agenti penitenziari nel carcere di Padova

9 Bombe molotov contro le auto della Polizia Penitenziaria: gravissimo atto intimidatorio nel carcere di Pisa

10 Pacco esplosivo indirizzato a Santi Consolo: il mittente è indicato provocatoriamente come Giacinto Siciliano, il direttore del carcere di Milano Opera


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 C’erano una volta due reparti speciali chiamati GOM e NIC …

2 Ci ha lasciati Veronica Bizzi, educatrice in servizio presso la Casa Circondariale di Trapani

3 Con la riforma della giustizia la Polizia Penitenziaria espleterà i controlli anche sul territorio per legge

4 Dipendenti statali: attenzione alle assenze per malattie, fissato il tetto massimo

5 Forze di Polizia e Forze Armate: uso consapevole dei social network. Guarda il Video con i consigli utili

6 Ormai è un Bollettino di Guerra … San Basilide salvaci tu

7 Commissione Antimafia: relazione del Presidente Rosy Bindi sullo stato di salute di Salvatore Riina

8 Lotta al terrorismo: maggior contributo della Polizia Penitenziaria e partecipazione ai Comitati provinciali ordine e sicurezza

9 La "famiglia di caserma" e l''attesa del trasferimento vicino casa

10 Le nuove prospettive dell’Esecuzione Penale Esterna