Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo

Polizia Penitenziaria - Era considerato un detenuto modello il rapinatore ucciso a Pisa: sparò anche ai Carabinieri ad altezza uomo


Notizia del 15/06/2017 - PISA
Letto (4064 volte)
 Stampa questo articolo


Rapine e pistole. Gli spari sono la colonna sonora della vita di Simone Bernardi, il 43enne di Aprilia, domiciliato a Pisa, ucciso da un gioielliere durante uno di quegli imprevisti che i banditi devono mettere in conto. Un domicilio che fino a marzo era forzato all’indirizzo del carcere Don Bosco dove l’uomo aveva scontato una condanna, con rito abbreviato, a 8 anni e 8 mesi per tentato omicidio, rapina e porto abusivo di armi. E proprio in carcere era apparso irreprensibile fino al punto di guadagnarsi un “posto” nella delegazione di detenuti che a Pasqua era stata ricevuta in Vaticano dal Papa.

LEGGI ANCHE: Parla l'orefice: "Ha sparato lui per primo, io ho risposto ai suoi colpi"

LA COSTANTE DELLE RAPINE

In primavera in Vaticano. Nel passato le rapine. Erano  tre i banditi che il 3 agosto 2010 presero d'assalto la filiale del Monte dei Paschi di Capalbio, nel Grossetano, e che poi spararono ai carabinieri che li avevano intercettati nella fuga. Pallottole contro i militari per garantirsi un’impunità di qualche ora. Nella banda c’era anche Bernardi. Separato, due figlie, non aveva un’occupazione ufficiale e i suoi precedenti sono scanditi da diverse condanne.

 

IL COLPO DA 60MILA EURO

Fare un colpo in una gioielleria con due commercianti che presumeva inermi non deve essergli sembrato troppo rischioso. Meno, comunque dell’agosto 2010 quando entrò in banca con il volto mascherato da passamontagna e armato di pistola. Un blitz da oltre 60mila euro. Coi due complici si era fatto consegnare da una dipendente le chiavi dell’auto, una Punto. Poi, tolti i cellulari a tutti, avevano rinchiuso in una stanza direttore, dipendente e clienti. I tre avevano incrociato i carabinieri di Porto Santo Stefano, a Santa Liberata.

L'auto dei militari aveva invertito la marcia e aveva seguito la Rover e l’aveva fermata. Dall'auto erano scesi i tre banditi e avevano iniziato a sparare ad altezza d'uomo. Pallottole contro i carabinieri. Poi la fuga e l’arresto in serata. In carcere a Pisa Bernardi non si era isolato e non dava problemi. Come spesso accade per chi vuole riempire le giornate di contenuti aveva aderito a varie attività di socializzazione. Una rieducazione apparente. Smentita a tre mesi dalla riconquistata libertà.

iltirreno.gelocal.it

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TOSCANA
Statistiche carceri Regione Toscana







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)