"Stava organizzando una festa per il suo ritorno. Era entusiasta, era come se le avessero ridato la vita. Non l'abbiamo mai vista così" hanno raccontato i vicini del quartiere resi" />

  Aprile 2020
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2020  
  Archivio riviste    
Esce dal carcere dopo 30 anni, la mamma dà una festa ma lui la uccide: ecco perché

Polizia Penitenziaria - Esce dal carcere dopo 30 anni, la mamma dà una festa ma lui la uccide: ecco perché


Notizia del 26/03/2016 - ESTERO
Letto (948 volte)
 Stampa questo articolo


"Stava organizzando una festa per il suo ritorno. Era entusiasta, era come se le avessero ridato la vita. Non l'abbiamo mai vista così" hanno raccontato i vicini del quartiere residenziale di Atlantic City. Nessuno immaginava quello che sarebbe successo, che il figlio tanto amato l'avrebbe presa a calci e pugni , uccidendola. A raccontare l'incredibile vicenda è il Washington Post.

Steven Pratt, 45 anni, è stato arrestato ancora una volta per omicidio, lo stesso reato commesso a quindici anni, dopo 48 ore dall'uscita dal carcere per aver scontato la sua pena detentiva. "Ho ucciso mia madre, ma non volevo e sinceramente non so neanche perché. Avevamo litigato, non volevo sentire i suoi consigli e ho perso le staffe. Le ho dato una lezione, non pensavo che sarebbe morta" ha detto alla polizia che lo ha riportato subito dietro le sbarre della struttura penitenziaria locale. "Quando dal quartiere ci hanno chiamato, dicendo che sentivano urla e insulti, abbiamo pensato a un errore, ma l'indirizzo purtroppo era quello, non era possibile sbagliarsi. Quello dove avevamo riportato l'ex galeotto che era stato accolto a braccia aperte dalla madre e dai parenti. Avevano addirittura organizzato una festa di benvenuto , era quasi pronta" hanno detto gli agenti. "Non è possibile, non può essere ancora lui, lo abbiamo appena riportato a casa e la mamma era così felice, le brillavano gli occhi. Eppure la strada era quella e anche il numero civico. Quando abbiamo trovato il corpo della madre c'erano i festoni già appesi alle mura di casa".

Un secondo omicidio, ancora più efferato, del primo che lo aveva portato in carcere a soli quindici anni. Con una pistola da adolescente uccise l'uomo che viveva nell'appartamento accanto e che in pratica gli aveva sempre fatto da padre. Il motivo? Banale, lo aveva redarguito. Gli aveva chiesto di non fare rumore con gli amici sul pianerottolo di casa perché avrebbe dato fastidio, di rientrare e di mettersi a fare i compiti nella sua stanza. La lite, poi, era diventata sempre più violenta. E il ragazzino gli aveva sparato in testa e alla spalla.

L'uomo era stato ricoverato all'ospedale locale, ma i medici non erano riusciti a salvargli la vita. Allora venne processato come se fosse stato un adulto. Lo condannarono a 30 anni. Ancora non si conoscono le ragioni che lo hanno portato a uccidere sua madre. Difficilmente uscirà più dalla prigione. In attesa del processo il giudice della Contea ha fissato una cauzione di un milione di dollari.

ilgazettino

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

2 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

8 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

9 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"

10 Evaso detenuto di Opera, rischio terrorismo islamico. Ricercato in tutta Italia


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Lavoro di Stato

3 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

4 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

5 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

6 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

7 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)