"Stava organizzando una festa per il suo ritorno. Era entusiasta, era come se le avessero ridato la vita. Non l'abbiamo mai vista così" hanno raccontato i vicini del quartiere resi" />

  Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Esce dal carcere dopo 30 anni, la mamma dà una festa ma lui la uccide: ecco perché

Polizia Penitenziaria - Esce dal carcere dopo 30 anni, la mamma dà una festa ma lui la uccide: ecco perché


Notizia del 26/03/2016 - ESTERO
Letto (678 volte)
 Stampa questo articolo


"Stava organizzando una festa per il suo ritorno. Era entusiasta, era come se le avessero ridato la vita. Non l'abbiamo mai vista così" hanno raccontato i vicini del quartiere residenziale di Atlantic City. Nessuno immaginava quello che sarebbe successo, che il figlio tanto amato l'avrebbe presa a calci e pugni , uccidendola. A raccontare l'incredibile vicenda è il Washington Post.

Steven Pratt, 45 anni, è stato arrestato ancora una volta per omicidio, lo stesso reato commesso a quindici anni, dopo 48 ore dall'uscita dal carcere per aver scontato la sua pena detentiva. "Ho ucciso mia madre, ma non volevo e sinceramente non so neanche perché. Avevamo litigato, non volevo sentire i suoi consigli e ho perso le staffe. Le ho dato una lezione, non pensavo che sarebbe morta" ha detto alla polizia che lo ha riportato subito dietro le sbarre della struttura penitenziaria locale. "Quando dal quartiere ci hanno chiamato, dicendo che sentivano urla e insulti, abbiamo pensato a un errore, ma l'indirizzo purtroppo era quello, non era possibile sbagliarsi. Quello dove avevamo riportato l'ex galeotto che era stato accolto a braccia aperte dalla madre e dai parenti. Avevano addirittura organizzato una festa di benvenuto , era quasi pronta" hanno detto gli agenti. "Non è possibile, non può essere ancora lui, lo abbiamo appena riportato a casa e la mamma era così felice, le brillavano gli occhi. Eppure la strada era quella e anche il numero civico. Quando abbiamo trovato il corpo della madre c'erano i festoni già appesi alle mura di casa".

Un secondo omicidio, ancora più efferato, del primo che lo aveva portato in carcere a soli quindici anni. Con una pistola da adolescente uccise l'uomo che viveva nell'appartamento accanto e che in pratica gli aveva sempre fatto da padre. Il motivo? Banale, lo aveva redarguito. Gli aveva chiesto di non fare rumore con gli amici sul pianerottolo di casa perché avrebbe dato fastidio, di rientrare e di mettersi a fare i compiti nella sua stanza. La lite, poi, era diventata sempre più violenta. E il ragazzino gli aveva sparato in testa e alla spalla.

L'uomo era stato ricoverato all'ospedale locale, ma i medici non erano riusciti a salvargli la vita. Allora venne processato come se fosse stato un adulto. Lo condannarono a 30 anni. Ancora non si conoscono le ragioni che lo hanno portato a uccidere sua madre. Difficilmente uscirà più dalla prigione. In attesa del processo il giudice della Contea ha fissato una cauzione di un milione di dollari.

ilgazettino

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Concorso imminente per 540 Agenti di Polizia Penitenziaria riservato ai VFP1 e VFP4

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

5 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

9 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

10 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 Riordino: tra formiche e grilli lamentosi

3 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Riordino vuol dire mettere ordine

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna