Lug/Ago 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Lug/Ago 2017  
  Archivio riviste    
Esecurity il software italiano che predice dove avverranno i crimini

Polizia Penitenziaria - Esecurity il software italiano che predice dove avverranno i crimini


Notizia del 13/04/2013 - TRENTO
Letto (2030 volte)
 Stampa questo articolo


Un software in grado di predire i delitti e prevenire la criminalità, per migliorare la sicurezza e la fiducia dei cittadini. L’idea, apparentemente fantascientifica, evoca, immediatamente, realtà futuristiche come quella descritta da Steven Spielberg nel film Minority Report, dove il protagonista Tom Cruise si muoveva in una Washington del 2054 ormai priva di omicidi grazie a un sistema di previsione dei crimini.

Oggi, però, questo scenario sembra meno lontano di quanto si possa immaginare in forza di un progetto messo in piedi dall’Università di Trento, la Questura, l’Fbk ed il Comune di Trento e finanziato dalla Commissione Europea. Si chiama eSecurity ed è stato presentato ieri in Rettorato, in via Belenzani, alla presenza della rettrice Daria de Pretis, del questore Giorgio Iacobone, dell’assessore comunale alle politiche sociali Violetta Plotegher, del segretario generale dell’Fbk, Andrea Simoni e del capo delle volanti della polizia Salvatore Ascione.

Il coordinatore scientifico del progetto e del gruppo di ricerca eCrime, che s’è aggiudicato gli oltre 400.000 euro di finanziamento europeo, è Andrea Di Nicola, ricercatore di Giurisprudenza e docente di criminologia, che spiega: “Gli studi dimostrano che gli eventi delittuosi tendono a concentrarsi in alcuni luoghi e a ripetersi negli stessi secondo flussi comportamentali legati, per esempio, alla più o meno intensa luminosità delle giornate, a momenti specifici dell’anno, vacanze o festività, a un certo tipo di meteorologia, e ad altri elementi caratterizzanti.

Ebbene con eSecurity intendiamo utilizzare ed incrociare i dati sui crimini denunciati alle forze dell’ordine, quelli sulla percezione di sicurezza dei singoli cittadini nei vari quartieri della città e quelli raccolti con le indagini di vittimizzazione della comunità, che significa capire se il singolo abitante di uno specifico luogo ritenga di aver subito un crimine, magari senza averlo poi denunciato alle forze dell’ordine. In questo modo siamo in grado di comprendere dove e come indirizzare gli interventi della polizia, possiamo decidere con maggior efficacia come allocare le risorse e sviluppare strategie d’intervento più mirate con controlli e pattugliamenti. eSecurity - aggiunge Di Nicola - è un progetto unico in Europa e anche nel mondo sono pochissime le realtà che hanno già sviluppato sistemi simili: una è quella di Memphis dove la gestione del software è stata affidata a Ibm e l’altra è Los Angeles che s’è servita dell’Università della California.

Ma questi sono puri progetti di polizia predittiva. Il nostro aggiungerà all’aspetto di analisi dei dati sui luoghi e sulle tempistiche degli eventi criminali anche quello di confronto con altre variabili quali quelle ambientali e socio demografiche, per esempio se in quella zona c’è una concentrazione di abitanti più giovani o meno, se è ben servita con i mezzi pubblici, lo stato di degrado o inquinamento. Le informazioni georiferite, così, saranno ancora più complete e sarà possibile predire, con ancora maggior esattezza, il “dove” e il “quando” si verificheranno i delitti e anche il “perché” così da poter intervenire non solo per reprimere ma anche per prevenire i crimini”. “Un prototipo di eSecurity è già stato sviluppato in Fbk - conclude Simoni - e tra 30 mesi dovremmo concludere il progetto definitivo”.

Il Trentino

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE
Statistiche carceri Regione Trentino-Alto Adige







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Caso Cucchi: assolto anche il Funzionario del provveditorato regionale dell''amministrazione penitenziaria

2 I detenuti protestano, Provveditore Sbriglia: confida nell''intervento dei Radicali e sollecita il Ministro per affettività e Skype

3 Nigeriano aggredisce Agente di Polizia Penitenziaria che gli aveva negato l''elemosina, fuori dal servizo

4 Tentativo di rivolta dei detenuti magrebini nel carcere di Prato: bloccato accesso alla terza sezione con brande

5 Ergastolano della Uno Bianca in albergo a 4 stelle per esercizi spirituali invitato da Comunione e Liberazione e cooperativa Giotto

6 Truffa alla pay tv, 150 persone indagate in Sicilia: indagine iniziata in carcere

7 Andrea Orlando: tutti gli evasi vengono catturati. In Italia il minor tasso di evasioni d''Europa

8 Poliziotto penitenziario aggredito con bastoni da detenuto nel carcere di Napoli Secondigliano

9 Skype per i detenuti ed estremismo islamico: il Sappe lancia l''allarme per i possibili utilizzi

10 Tenta di evadere dall''ospedale: detenuto ricoverato strattona gli Agenti e si da alla fuga


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Antonio Muredda, Agente di Custodia ucciso il 22 agosto 1983

2 AGENTE ALLA BOLDRINI: VENGA SENZA PREAVVISO QUI C E UN SOLO AGENTE PER TRE PIANI

3 Promozioni al grado superiore: perché si valutano le sanzioni disciplinari e non le ricompense?

4 Posti fissi in istituto penitenziario: rotazione o non rotazione del personale del Corpo?

5 La vigilanza dinamica è un fallimento! Parola di Santi Consolo, che dà ragione al Sappe, ma vorrebbe il ritorno delle veline

6 Uno sguardo alle prime procedure applicative del riordino della Polizia di Stato

7 Noi, vittime della Torreggiani

8 Sicilia: c''era una volta la polizia stradale

9 Le proteste pretestuose

10 Evasioni ... troppo facile scaricare sempre la colpa su di noi!