Settembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Settembre 2017  
  Archivio riviste    
Espulso dall''Italia il detenuto marocchino Rachid Assarag che accusò i Poliziotti penitenziari di maltrattamenti

Polizia Penitenziaria - Espulso dall''Italia il detenuto marocchino Rachid Assarag che accusò i Poliziotti penitenziari di maltrattamenti


Notizia del 15/09/2017 - PARMA
Letto (5874 volte)
 Stampa questo articolo


In carcere per violenza sessuale, il marocchino aveva provato a documentare gli abusi. Una minaccia "effettiva e concreta" all'incolumità pubblica. Con questa accusa il tribunale di Torino ha convalidato il provvedimento della questura e dato il via libera all'espulsione di Rachid Assaraq, il cittadino marocchino scarcerato pochi giorni fa dopo aver scontato 9 anni e 4 mesi per violenza sessuale nei carceri di mezza Italia, durante i quali ha registrato presunti abusi della Polizia Penitenziaria e al tempo stesso collezionato una lunga serie di denunce per resistenza. Rachid si trova rinchiuso nel Cie di Torino, e a ore potrebbe essere imbarcato con destinazione Marocco.

Se eseguito, il provvedimento rischia dunque di avere pesanti conseguenze sui diversi procedimenti nei quali è imputato, ma anche sull'inchiesta della procura di Prato in cui risulta al momento anche parte lesa: proprio nei giorni scorsi i pm Lorenzo Gestri e Sara Canovai hanno firmato l'avviso di conclusione indagini preliminari per 4 agenti della penitenziaria, accusati di aver pestato Rachid dopo averlo sorpreso con un registratore. I reati contestati sono quelli di lesioni aggravate, falso e calunnia.

Le guardie spiegarono infatti di essere state aggredite da Assarag dopo averlo sorpreso ad armeggiare con una forbicina, tanto da denunciarlo per resistenza. Sul caso sono ancora in corso valutazioni da parte della procura sull'eventuale rinvio a giudizio.

"L'espulsione di Rachid è un fatto molto grave - attacca l'avvocato Fabio Anselmo, che ha seguito l'intera battaglia giudiziaria - lascia a dir poco perplessi che questa decisione sia stata presa senza il nulla osta dell'autorità giudiziaria, e nello stesso decreto di espulsione si fa riferimento a fatti avvenuti 9 anni fa. La verità - conclude - è che l'inchiesta di Prato sta rivelando cosa realmente accade nelle carceri. Con buona pace delle ispezioni disposte dal ministro della giustizia Orlando".

Le indagini della procura di Prato sui presunti abusi di 4 guardie penitenziarie era entrata nel vivo nel novembre del 2014, quando i pm titolari delle indagini sentirono Rachid (all'epoca recluso a Sollicciano) dopo avergli notificato l'avviso conclusioni indagini per resistenza.

Sconvolgente il racconto: "Il personale si accorse del registratore di piccole dimensioni che avevo attaccato con un filo all'altezza del petto, ed era nascosto da una maglietta. Iniziarono a chiedermi conto (...), io risposi che era l'unico modo per dimostrare le condotte illecite e da quel momento iniziarono a picchiarmi. All'inizio erano quattro ma col passare dei minuti sopraggiunsero altri agenti. Ad un certo punto erano almeno otto persone".

E ancora: "Fui costretto a rimanere a terra prono, e sentivo sopra di me che montavano gli agenti e scalciavano (..) ricordo che mentre ero ancora in terra alla presenza degli ispettori intervenuti che avevano determinato l'interruzione dell'aggressione, sentii il personale che mi aveva colpito dire tra loro che in magazzino avevo forbici non consentite".

La Repubblica

STATISTICHE CARCERI REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Statistiche carceri Regione Emilia-Romagna







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Via la Polizia Penitenziaria dai Tribunali: vigilanza affidata a ditte private per recuperare un centinaio di Poliziotti dall''organico delle carceri, ma la Madia ne ha tagliati seimila

2 Quanto guadagna un poliziotto penitenziario?

3 Poliziotto penitenziario ferito alla testa da un detenuto: è in gravi condizioni

4 Ministro Orlando annuncia nuove assunzioni: 48 poliziotti in più nel 2017 e 57 come anticipo 2018

5 Condannato a tre anni e due mesi ex Agente penitenziario: vendeva droga e telefonini nel carcere di Aosta

6 Consegnava droga nel carcere di Brescia: arrestato Poliziotto penitenziario ora rinchiuso nel carcere militare

7 Detenuto autorizzato a lavorare all''esterno non rientra in carcere, il Garante: sono sorpresa

8 Invitati per un pranzo con Papa Francesco: due detenuti si danno alla fuga poco prima di arrivare

9 Al via il concorso per agenti di Polizia Penitenziaria: 197 posti disponibili

10 Vice Capo DAP Del Gaudio parla della sorveglianza dinamica e celle aperte: commissione per valutarne l''attuazione


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Pasquale Di Lorenzo, Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ucciso dalla mafia il 13 ottobre 1992

2 Dichiarazioni Andrea Orlando: caserme gratuite per la Polizia Penitenziaria e Decreto trasferimenti sedi extra moenia

3 Il piano per azzerare la memoria della Polizia Penitenziaria con la scusa del decreto trasferimenti

4 Carceri, SAPPE: “Questo Governo toglie il pacco dono dell’Epifania ai poliziotti penitenziari per pagare l’aumento di stipendio dell’83% ai detenuti che lavorano: vergognoso!”

5 Gennaro De Angelis, Agente di Custodia ucciso dalla camorra il 15 ottobre 1982

6 Decreto Orlando sulla mobilità del personale: ma perchè il Ministro invece di perder tempo coi videomessaggi non istituisce la direzione generale del Corpo?

7 In memoria di Ignazio De Florio, Agente di Custodia ucciso in un agguato camorristico l''11 ottobre 1983

8 Dopo la circolare sul pacco dell''Ente Assistenza e Carità, i dubbi sulla nuova circolare: pagamenti vitto uniformi e armi

9 Scomparso stamattina a Roma il Professor Lionello Pascone, generale in congedo del Corpo di Polizia Penitenziaria

10 Riforma penitenziaria di fine legislatura, che forse favorisce solo il solito Gattopardo