Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Evade dall'ospedale, dopo ricovero per tentato suicidio: malato psichiatrico si da alla fuga

Polizia Penitenziaria - Evade dall'ospedale, dopo ricovero per tentato suicidio: malato psichiatrico si da alla fuga


Notizia del 06/08/2014 - LECCE
Letto (3173 volte)
 Stampa questo articolo


Mario Leone, 52enne di Leverano, si trovava all'Ospedale "Vito Fazzi". È riuscito ad eludere tutti i controlli. La palazzina è bassa e così il più è stato forzare l'imposta per poi allontanarsi. Sulle sue tracce carabinieri e polizia, ma per il momento nessuna traccia.
Un momento di distrazione e Mario Leone ha preso il volo. Non proprio letteralmente, perché la palazzina è bassa, e in un modo meno cruento rispetto al finale di "Qualcuno volò sul nido del cuculo". Tuttavia, un rimando al capolavoro interpretato da Jack Nicholson ci potrebbe anche essere, visto che l'uomo era ricoverato nel reparto di psichiatria.

Cinquantaduenne di Leverano, Leone era sottoposto agli arresti domiciliari, ma da qualche giorno ricoverato, avendo tentato un suicidio. È stato un medico ad accorgersi della sua assenza. Ha aperto la porta e, semplicemente, Leone non c'era più. Infrangendo un vetro, è riuscito fuggire, senza dare nell'occhio.

Maglietta da pigiama estivo a maniche corte sopra, pantaloncini sotto, visto il clima sarà stato scambiato per un uomo qualunque vestito per la stagione. Era il primo pomeriggio, e di Leone davvero nessuna traccia. Sarà riuscito a guadagnare l'uscita principale in pochi minuti e a fuggire a piedi all'esterno. Il recinto dell'ospedale è immenso.

Il medico ha avvisato il posto fisso di polizia che ha subito allertato chi di competenza: questura e carabinieri. In particolare, ovviamente, quelli della stazione del suo paese, dipendenti dalla compagnia di Campi Salentina. Sono i militari che procedono nelle indagini. Il più, per l'uomo, è stato forzare la finestra. Poi, gli è bastato scavalcare. Il reparto sorge in una palazzina bassa, di un piano, annessa all'edificio principale e non lontano dalla camera mortuaria.

L'uomo ha precedenti, fra l'altro, per droga. Nel febbraio del 2011 fu arrestato per il possesso di 41 grammi di cocaina. Proprio da quelle manette, partì un'inchiesta più grande, l'operazione "The Tower", chiusa nel maggio del 2013 e in cui di recente vi sono stati anche nuovi verdetti. Della rocambolesca fuga è stato informato il pm di turno, Roberta Licci.

lecceprima.it

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

7 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

8 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

9 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”