Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
Evasi da Rebibbia: uno condannato per omicidio e sequestro l'altro per rapina

Polizia Penitenziaria - Evasi da Rebibbia: uno condannato per omicidio e sequestro l'altro per rapina


Notizia del 15/02/2016 - ROMA
Letto (2703 volte)
 Stampa questo articolo


Hanno lavorato per settimane, forse mesi, per segare le sbarre del magazzino dove svolgevano attività di recupero. Poi, ceduto anche l’ultimo ferro, si sono calati con le lenzuola a disposizione fin giù nel cortile per scavalcare il muro di recinzione e fuggire a bordo del primo autobus di passaggio. Laddove non era riuscito giorni fa a Secondigliano l’ex Nar Pasquale Belsito, hanno avuto successo due romeni detenuti nel reparto G11 del nuovo complesso di Rebibbia. Catalin Ciobanu e Mihai Florin Diaconescu, 32 e 28 anni, sono entrambi romeni condannati uno per omicidio preterintenzionale e sequestro di persona, l’altro per rapina. Sono evasi alle 18.30 di ieri con il piano già in testa.

Evasi da Rebibbia il 14 febbraio 2016

Fuggiti dal locale dove avevano ottenuto il permesso di lavorare, sono passati davanti al nucleo unità cinofile e da lì hanno scavalcato il muro come chissà quante volte avevano fantasticato di fare. La pattuglia della Penitenziaria, l’unica in servizio a quell’ora, li ha notati ma non ha potuto far altro che dare l’allarme quando i due, saliti sul primo autobus di passaggio sulla Tiburtina, già viaggiavano in direzione Tivoli.

Gli agenti che li sorvegliavano li descrivono come «soggetti pericolosi». Catalin Ciobanu, in particolare, venne arrestato dalla polizia a maggio del 2014, ritenuto responsabile del sequestro di persona e dell’omicidio preterintenzionale di Abdel Hamid Mohamed Lashein Ebrahim, l’egiziano 53enne trovato senza vita in un’area rurale sulla Salaria il 28 ottobre dell’anno precedente. La vittima, con le mani legate dietro la schiena, morì a causa di un infarto del miocardio e per Ciobanu e i suoi due complici, Mohamed Hamdy Aref Gebril, egiziano di 27 anni, e Vasilica Laurentiu Lovin, romeno di 22, scattarono le manette.

«La doppia evasione è il prezzo che si paga per avere settemila uomini in meno. La mancanza di organico e i turni da nove ore ognuno non bastano a garantire la necessaria sicurezza – commenta Donato Capece, segretario generale del SAPPE - Nonostante questo, pur avendo pronti 600 agenti idonei non vincitori, non abbiamo l’ok per farli assumere. Stesso discorso per le lenzuola che da anni chiediamo di sostituire con quelle di carta, anche e soprattutto per scongiurare il pericolo di suicidi in cella».

iltempo.it

 

Evasione Rebibbia, Sappe: mancano gli Agenti, sistemi di sicurezza fuori uso, idee e progetti DAP fallimentari

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

6 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

7 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

8 La perquisizione straordinaria

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Sindacalismo e Agenti di Custodia. Un’occasione per conoscere la nostra storia (*)