Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
Evasione a colpi d’arma da fuoco: Mimmo Cutrì patteggia un anno

Polizia Penitenziaria - Evasione a colpi d’arma da fuoco: Mimmo Cutrì patteggia un anno


Notizia del 07/12/2014 - MILANO
Letto (2023 volte)
 Stampa questo articolo


 Evasione.Domenico Cutrì, 32 anni, di Inveruno, l’11 dicembre sarà di nuovo in un’aula di giustizia. Il sostituto procuratore di Busto Arsizio, Raffaella Zappatini, ha accettato la proposta di patteggiamento avanzata dal difensore Roberto Grittini per un anno di reclusione. A decidere sarà il gup Patrizia Nobile. Per Cutrì, detenuto nel carcere di Opera, è caduta l’accusa più pesante: quella di avere partecipato alla progettazione del blitz del 3 febbraio scorso, davanti al tribunale di Gallarate.

 

Il fratello minore Antonino, che guidava il commando, riuscì a sottrarre Domenico agli agenti della Polizia Penitenziaria che lo scortavano, ma cadde sotto i colpi del fuoco amico. Era stato Nino, da sempre dominato, quasi ossessionato dall’idea di liberare il fratello ergastolano, a ideare il piano, a studiarlo con gli amici. Cutrì deve rispondere di evasione, lesioni e porto abusivo d’arma rubata. Le ultime due imputazioni riportano alla notte del 9 febbraio quando Mimmo Cutrì e un compagno, dopo sei giorni di serrata caccia all’uomo, vennero scoperti dai Ros dei carabinieri e dai Gico della Finanza in una casa in costruzione, in via Villoresi a Inveruno. L’evaso aveva con sé una 357 Magnum.

 

Mentre gli uomini dei reparti speciali lo conducevano verso l’uscita, Cutrì diede uno strattone facendo cadere dalle scale uno dei militari e provocandogli alcune contusioni. Il pubblico ministero Zappatini ha chiuso le indagini (quindici faldoni e circa 1.500 pagine di atti) e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per tutti i componenti della batteria.

All'inizio di aprile la Corte di Cassazione ha annullato la condanna all’ergastolo di Domenico Cutrì per l’omicidio del diciannovenne barista polacco Lukasz Kobrzenicki, ucciso a Trecate nel giugno del 2006. Il processo è stato rinviato alla Corte d’Assise d’appello di Torino. Una quindicina di giorni prima, Cutrì , davanti al pm Zappatini, aveva ammesso per la prima volta di essere stato lui a sparare al barista e non Manuel Martelli, condannato a 16 anni in abbreviato. Aveva escluso il movente passionale, non era vero che l’ucciso gli insidiasse la ragazza. Il barista andava invece punito per degli sgarri che aveva compiuto nei confronti di Martelli, legati al sottobosco della droga. «Ma non volevo ucciderlo», aveva specificato Mimmo Cutrì.

 

ilgiorno

STATISTICHE CARCERI REGIONE LOMBARDIA
Statistiche carceri Regione Lombardia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

2 Candidata con la Bonino, tenta di passare dei soldi ad un detenuto durante una visita in carcere

3 Governo Gentiloni sarà ricordato per lo svuota carceri mascherato? Sappe: così si rottama il 41bis

4 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

5 Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Detenuti evadono durante una gita al museo del MAXXI di Roma: ripresi poco dopo

8 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

9 Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 Ma chi siamo?

4 Transito a ruolo civile. È legittimo cumulare pensione privilegiata e stipendio

5 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

6 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

7 Gruppo Operativo Mobile: Perché? Perché? Perché? Perché?

8 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

9 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

10 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro