Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Evasione da Rebibbia: ecco i possibili veri motivi dell'evasione

Polizia Penitenziaria - Evasione da Rebibbia: ecco i possibili veri motivi dell'evasione


Notizia del 14/02/2014 - ROMA
Letto (1846 volte)
 Stampa questo articolo


Perché Sergio Di Palo e Gampiero Cattini sono fuggiti? Se lo chiedono gli investigatori all’indomani dalla clamorosa evasione. Non erano tanti gli anni per la fine della pena: la condanna di De Palo sarebbe scaduta a settembre del 2018 e quella di Cattini a fine dicembre dello stesso anno. Se li riprenderanno avranno un reato in più sulle spalle e non potranno certo tornare nella terza Casa. «Una sciocchezza» scappare da lì, dice chi si occupa di detenuti.

Cosa li ha spinti allora a farlo? Il bisogno di libertà? Un disagio legato alla loro condizione di tossicodipendenti? O c’è dell’altro? Sono le domande che si stanno ponendo gli investigatori.

L’ipotesi è che sia stato Di Palo a pianificare la fuga e Cattini si sarebbe aggregato. Ragioni serie potrebbero averlo spinto a mettere in piedi il piano. Non sfugge a chi sta indagando sull’evasione che il suo non è un cognome qualunque. La famiglia Di Palo, originaria della Sicilia, da anni è radicata a Tor Bella Monaca dove operano vari clan, tra cui quello camorristico dei Moccia.

I De Palo sono temuti nel quartiere, avrebbero un ruolo nell’assegnazione delle case popolari che manovrerebbero anche attraverso estorsioni. L’attività di facciata, quella di ambulanti (la famiglia gestiva un banco a piazzale Clodio) coprirebbe – a quanto rivelano le inchieste sul loro conto – in realtà una serie di affari illeciti, compreso lo spaccio.

blitzquotidiano.it

La lettera di scuse degli evasi di Rebibbia alla Direttrice del carcere

 

STATISTICHE CARCERI REGIONE LAZIO
Statistiche carceri Regione Lazio







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 La frutta non ci piace». Scattano violenza e intimidazioni da parte dei detenuti al 41 bis

10 Gratteri: “Campi di lavoro per i mafiosi se vogliono mangiare”


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Le caserme (quasi) gratis della Polizia Penitenziaria

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

10 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico