Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Evasione dal carcere di Lecce: Triglietta sarà giudicato con il rito abbreviato il 17 maggio

Polizia Penitenziaria - Evasione dal carcere di Lecce: Triglietta sarà giudicato con il rito abbreviato il 17 maggio


Notizia del 20/04/2016 - LECCE
Letto (1673 volte)
 Stampa questo articolo


L'atteso processo con il rito abbreviato per l'evasione dal carcere a carico di Fabio Perrone, soprannominato "Triglietta", si terrà il 17 maggio. La prima udienza si sarebbe dovuta svolgere il 19 aprile, ma in seguito all'accoglimento di una richiesta del legale di Perrone, il gup Carlo Cazzella ha rinviato il processo.

 

L'avvocato Ladislao Massari aveva comunicato di essere impossibilitato a partecipare al processo, poiché impegnato a Roma presso la Corte di Cassazione. L'istanza era sta già presentata già qualche giorno fa, presso la segreteria del giudice, per non ingolfare la macchina organizzativa del carcere. Essa prevede un notevole dispiegamento di forze dell'ordine per la traduzione dal penitenziario di Catanzaro, all'aula bunker di Borgo San Nicola. "Triglietta" risponde dei reati di evasione e detenzione di arma da fuoco.

 

Il 42enne durante l'udienza di convalida dell'arresto, innanzi al gip Vincenzo Brancato, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giudice, l'11 gennaio, ha poi convalidato l'arresto di Perrone. Il suo legale ha eccepito su questa decisione del giudice, ritenendo nullo l'atto, poiché la procura generale non avrebbe comunicato nell'immediatezza, l'avvenuto arresto del suo assistito. Il gip aveva anche disposto la misura cautelare del carcere. Successivamente, il pubblico ministero Stefania Mininni ha chiesto il giudizio immediato (senza udienza preliminare) per Fabio Perrone.

 

Triglietta fuggì durante un accertamento medico presso il "Vito Fazzi", il 6 novembre 2015, per essere poi riacciuffato nel suo paese natale, Trepuzzi  Durante la latitanza, "Triglietta" si è avvalso della copertura e dell'aiuto concreto di una vasta rete di fiancheggiatori, tra cui Stefano Renna, 32enne gestore di un bar proprietario dell'appartamento di via 2 giugno  dove Perrone venne arrestato all'alba del 9 gennaio 2016.

 

Renna, accusato di favoreggiamento e detenzione illegale di armi e munizioni da guerra, chiederà il patteggiamento innanzi al giudice delle indagini preliminari. Infatti, il suo difensore, l'avvocato Luigi Rella ha "concordato" la pena di 3 anni e 6 mesi con il pubblico ministero Mininni. Il patteggiamento verrà discusso sempre in data 17 maggio (giorno in cui si terrà l'abbreviato di Perrone), quando il gup Cazzella stabilirà se ritenete "congrua" la richiesta. 

 

Leccenews24

STATISTICHE CARCERI REGIONE PUGLIA
Statistiche carceri Regione Puglia







Le ultime foto pubblicate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 


 

Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Dimezzata la Banda musicale della Polizia Penitenziaria: lo prevederebbe decreto collegato alla manovra finanziaria

2 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

3 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

4 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

5 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione






Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

5 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

8 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

9 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?

10 I richiami e le ipocrisie dell’Europa sulle carceri italiane